lunedì 31 ottobre 2016

Il messaggio per la mafia Khazariana è Dolcetto o scherzetto, arrendersi o morire

Benjamin Fulford 
31 ottobre 2016


E' tempo di tirar fuori i forconi e le armi gente e prendere d'assalto i palazzi dei maggiori gangster della mafia Khazariana. Questo è stato confermato in una lettera , che molte fonti confermano,  che il Capo diStato Maggiore congiunto Generale Joseph Dunford ha inviato a tutti i membri delle forze armate statunitensi. Nella lettera Dunford dice: "Ogni membro del servizio giurò di sostenere e difendere la Costituzione degli Stati Uniti' di 'mantenere la vera fede e fedeltà per essa'". 

Si tratta di un ordine diretto del generale superiore a difendere la Costituzione. Che cosa dice la Costituzione? Ci dice "Il Congresso avrà il potere di battere moneta, regolarne il valore, a quello delle monete straniere," e di "prevedere la repressione del contraffazione dei titoli e della moneta corrente degli Stati Uniti." In altre parole si è obbligati dal proprio giuramento verso la costituzione ad arrestare, alla Federal Reserve Board, le famiglie criminali che possiedono le matrici dei cosiddetti dollari dal 1913. Inoltre, è necessario confiscare le grandi quantità di beni appartenenti ai cittadini statunitensi che queste famiglie criminali hanno rubato .

https://fellowshipoftheminds.com/tag/upholding-our-oath/

Nella sua lettera Dunford cita anche "il nostro impegno deliberato e disciplinato a sostenere il principio di controllo civile delle forze armate." Dal momento che le elezioni sono state frodate almeno dal 2000,  significa che i civili non sono più in carica, il generale Dunford  ordina di andare a Washington DC e forzare il ritorno al controllo civile del governo. Ciò significa il ripristino di una vera democrazia e la libertà di stampa in modo che la popolazione informata possa scegliere il proprio governo. Questo è il governo, che poi, i militari dovrebbero servire.

Il popolo, il Governo e forze armate del Canada stiano accanto ai loro fratelli e sorelle americane per aiutarli in ogni modo possibile, per liberarli dal controllo dei gangster Khazariani.

Gli oligarchi, del West Coast che detengono l'alta tecnologia, come Bill Gates, i proprietari della Apple Computer e Larry Ellison di Oracle Computer, le persone che si sono arricchite con la creazione di cose che rendono la nostra vita migliore e non a causa di frodi, hanno detto al  White Dragon Society che la sosterranno ad abbattere la mafia Khazariana.

Hillary Clinton ha già inviato $ 1.8 miliardi di dollari nel Qatar e prevede di fuggirvi a breve, dicono le fonti della CIA. Tuttavia, né a lei né agli altri membri della sua famiglia criminale sarà consentito di fuggire, dicono le fonti.

Questo è ciò che fonti del Pentagono hanno da dire sulla situazione: "Il colpo di stato silenzioso di Hillary è stato sconfitto da un contro-colpo di stato militare con [Candidato presidenziale repubblicano Donald] Trump e spazzata con lo strumento  Wikileaks , sostenuta dalla travolgente forza letale dello spinaggio della NSA. "

Fonti NSA confermano che Hillary Clinton è colpevole di omicidio di massa (Haiti, Fukushima, Libia, Siria, ecc) e sia lei che i suoi compagni gangster devono essere fermati.
Parlando con la NSA, la settimana scorsa mi hanno chiesto di lasciare il telefono cellulare e le carte di credito alle spalle e andare a trovare il rappresentante gnostico degli Illuminati "Alexander Romanov" in un luogo sicuro, in modo che avrei potuto ottenere delle informazioni segrete. La NSA sa che niente di digitale è sicuro ed è per questo che le cose importanti sono trasmesse in incontri personali. 

Il messaggio che la NSA doveva comunicarmi era che, Xi Jinping, Vladimir Putin e Barack Obama, tutti loro prendono ordini direttamente da Baron Evelyn de Rothschild, hanno confermato fonti della CIA.

Membri del WDS russi hanno anche confermato che Vladimir Putin, è un falso, che riceve ordini dai Rothschild.

Recentemente Internet è stato 'igienizzato' , tutte le immagini del cosiddetto Vladimir Putin sono state corrette nel corso degli anni per farli sembrare identici. Tuttavia, se si va in un archivio cartaceo di fotografie e si confrontano nel corso degli anni è possibile confermare che l'originale Putin è morto molto tempo fa e che ci sono sei diversi "Putin".

Le fonti russe anche fornito queste informazioni bomba:
"La Federazione russa è una Corporation privata  dei Rothschild , che è stato registrato presso la City di Londra nel 1991 con il DUNS 531 298 725. Il direttore di questa Corporation privata dei Rothschild è Medvedev Dmitry Anatolyevich. Il vero nome del Primo Ministro della Federazione Russa Dmitrij Medvedev non è Anatolyevich, ma Menachem Mendel Aaranovitch. "Le fonti russi dicono Menachem Mendel Aaranovitch è un Khazariano Ebreo.
Le fonti russe dicono che, attraverso 7000 ufficiali militari russi, nelle associazioni patriottiche sono state date queste informazioni. I russi sanno che per il cosiddetto Presidente Putin è in corso la partizione della Russia e stanno dicendo che presto "I russi, ucraini e bielorussi si uniranno di nuovo stato unico, molto potente."

Come sappiamo gli Stati Uniti d'America Inc. è una società privata straniera dei Rothschild registrata presso 10687 Gasking Way Ste 101, Manassas, VA 20109. Altre aziende dei Rothschild con un numero DUNS includono le Nazioni Unite e la Commissione Europea.

Come riportato da Neil Keenan, la presidente della Fed Janet Yellen, a capo della Bank of England è Marc Carney e il primo ministro malese Najib Razak stanno attualmente cercando di utilizzare le matrici dei certificati forgiate da Wilfredo Saurin per fingere che hanno un milione di tonnellate d'oro in appoggio.

http://neilkeenan.com/neil-keenan-update-globalists-desperation-health-and-wellness-the-end-of-big-pharma/

Hanno intenzione di utilizzare questa frode per creare $ 41 miliardi di dollari di "denaro" per finanziare una massiccia campagna di corruzione globale,  progettata per mantenere la loro famiglia al potere, dicono le fonti WDS.

Le fonti governative cinesi dicono anche che i Rothschild stanno cercando di convincere la Cina ad iniziare una guerra contro l'esercito degli Stati Uniti nel Mar Cinese Meridionale. Questo perché i Rothschild hanno disperatamente bisogno di iniziare una guerra mondiale per allontanare la rivoluzione in corso negli Stati Uniti contro il loro dominio.

Le fonti NSA lo confermano. Mi hanno anche informato che il raid di 9 sicari in casa mia la settimana scorsa è stato ordinato dallo schiavo primo ministro giapponese Shinzo Abe, che a sua volta è stato ordinato dal presidente cinese Xi Jinping, che a sua volta è stato ordinato da Evelyn de Rothschild. Lo scrivente ha ricevuto le scuse e costretto i Rothschild a porre fine alle loro molestie.

Il fatto che Abe, fosse il leader della campagna anti-Cinese in Giappone un paio di anni fa ed ora improvvisamente si inchina a leccare i piedi cinesi è un chiaro segno che non è altro che un burattino dei Rothschild.  I Rothschild stanno dicendo qualsiasi cosa ai cinese, vogliono far sentire un disperato tentativo di ottenere la protezione dei militari cinesi e le agenzie che ora sono sul piede di guerra contro di loro negli Stati Uniti.

I cinesi hanno avuto una serie di importanti incontri la scorsa settimana a Hong Kong, Taiwan e Pechino, dove si è deciso che la Cina vuole la pace e l'amicizia del mondo e non sarebbe andata avanti con piani per inizio a una guerra mondiale, confermano varie fonti cinesi.

I cinesi hanno anche chiesto di acquistare una macchina fotografica analogica usa e getta (le fotocamere digitali hanno il GPS) per scattare una foto di una delle loro orde d'oro con la copia recente di un giornale davanti ad esso per confermare l'esistenza dell'oro, di cui non sono stati in grado di confermare finora.

Se l'oro non esiste, allora ci sarà la necessità di utilizzare materie prime, immobili e altre cose di valore che esistono nella realtà per sostenere la valuta.

I diritti di voto nel Accordo sul Carbonio di Parigi ha raggiunto l'anno scorso la ratifica, che danno alla Cina una quota maggiore rispetto agli Stati Uniti, sembra equo e potrebbe essere utilizzato come base per le decisioni su come verrà creata e utilizzata la valuta in futuro. In altre parole, un sistema molto più equo per decidere ciò che l'umanità farà in futuro è pronto per essere ratificato e messo in atto.

La famiglia reale giapponese, l'esercito americano e le forze armate cinesi, oltre molti altri, hanno espresso il sostegno alla creazione di  una futura agenzia di pianificazione meritocratica ed al suo personale per l'elaborazione di piani per trasformare il pianeta in un paradiso per gli esseri umani e tutti gli altri esseri viventi.

Nel frattempo, il mio webmaster, che è stato colpito con un veleno che causa il cancro è guarito utilizzando i più recenti metodi di guarigione naturale. Dato che questo era un attacco personale a qualcuno a me  vicino, ci sarà un contrattacco. Questo significa che i capi della Keio University Hospital, la giapponese Medical Association e l'American Medical Association saranno arrestati e costretti a far fuori i ratti e il loro capo Rockefeller.

Non commettere errori, il cancro non esisteva fino a quando i Rockefeller e i loro compagni Khazariani hanno iniziato a introdurre sostanze che causano il cancro nei vari prodotti d'uso quotidiano.

Studi di migliaia di mummie egiziane confermano che il cancro non  esisteva. Un secolo fa negli Stati Uniti, prima che i Rockefeller assumessero l'istituzione medica, solo uno su 20 persone si ammalava di cancro. Oggi siamo a uno su due.

Inoltre, i medici mafiosi uccidono milioni di persone con veleni e radiazioni ogni anno come parte della loro falsa guerra contro il cancro. Ciò significa che praticamente tutti i lettori di questo articolo ha avuto un parente stretto assassinato dalla mafia Khazariana.

Gli oncologi onesti dicono ai loro pazienti di non  autorizzare [l'uso di chemio e radiazioni], pena la perdita della loro licenza medica e  carriera, ma usare la cura naturale del cancro e dicono ai loro pazienti di farsi curare altrove.

Ecco perché i militari e le agenzie degli Stati Uniti devono fare un'incursione presso le associazioni mediche e ne arrestino i dirigenti, per porre fine a questi omicidi con i veleni e radiazioni.


LE VERE RAGIONI DIETRO LO SGOMBERO DELLA GIUNGLA DI CALAIS

NON SONO QUELLE CHE TU PENSI

FONTE: THECANARY.CO
comedonchisciotte.net



Martedì 25 ottobre, è iniziato lo smantellamento del campo profughi “giungle di Calais”. La situazione di Calais è sintomatica della crisi più diffusamente, ovvero aziende ed individui che traggono profitto dalla miseria dei rifugiati.

Circa 9.100 persone, tra cui 865 bambini – il 78% dei quali senza partenti – vivevano in squallide condizioni vicino al Tunnel del Canale. Le ragioni per la demolizione del campo, dicono le autorità francesi, sono il gestire nella maniera migliore le richieste di asilo e il fornire migliori condizioni abitative. Il timing però coincide con l’inizio di un progetto per una struttura di grande importanza tra UE e Regno Unito.

Non tutto è come sembra.

La demolizione del campo è iniziata circa alle 2 di pomeriggio di martedì, con operai che si avvicinavano con mazze e scavatori alle baracche di legno. Circa 2.000 persone avevano abbandonato volontariamente il campo lunedì e altre centinaia li avevano seguiti il giorno successivo. Entro mezzogiorno del martedì altri 16 autobus carichi erano partiti con a bordo 656 persone. La polizia pensava che solo circa 200 persone avrebbero tentato di rimanere.

In mezzo a tutta la copertura mediatica, è andata persa una delle ragioni principali della demolizione.

In parte è a causa della costruzione del progetto ElecLink, un’operazione congiunta anglo-francese che connetterà le forniture elettriche delle due nazioni. La posizione di uno dei due campi profughi a Coquelles è proprio dove verrà costruita una sotto-stazione e tutta l’area attorno a Calais deve essere accessibile perché i lavori possano procedere.

Conflitto di interessi

Il piano ElecLink è un progetto congiunto tra STAR Capital e Groupe Eurotunnel. Balfour Beatty e Siemens hanno dei contratti in essere. L’obiettivo principale del progetto è connettere tutta l’Europa ad una sola linea di forniture energetiche.

Ci sono in ballo interessi personali. Lord Levene di Portsoken, un pari del Partito Conservatore britannico, ha afferamato che la “vera soluzione” alla “crisi dei rifugiati” era trovare il modo di impedire ad altri rifugiati di unirsi a quelli già presenti, offrendogli sicurezza nei loro paesi d’origine. “Molti di loro non vogliono venire in Gran Bretagna” ha detto, ma sembra che questi abbia interessi finanziari nel fatto che i rifugiati se ne stiano ad aspettare a Calais.

Come direttore di Groupe Eurotunnel, Levene ha supervisionato investimenti di sicurezza di 12 milioni di euro in tutto il 2014 e di 13 milioni di euro nei primi 6 mesi del 2015, come diretta conseguenza della Giungla di Calais. Per di più, il budget di controllo dei confini di UE Frontex è triplicato nel 2015 proprio grazie alla crisi dei rifugiati. Groupe Eurotunnel ne ha beneficiato direttamente, nell’ordine dei 50 milioni di investimenti.

Approfittare della crisi dei rifugiati

C’è un altro altro pari Tory che trae beneficio dalla situazione. Mitie, il cui CEO è la pari conservatrice baronessa McGregor-Smith, si occupa della sicurezza di Groupe Eurotunnel e ha siglato un contratto di 12 milioni di sterline nel 2014, per di più Mitie è il più grande appaltatore per i centri di detenzione per immigrati nel Regno Unito.

I prezzi delle azioni di Groupe Eurotunnel e Mitie non sono stati influenzati negativamente dalla crisi dei rifugiati: le azioni Mitie sono schizzate alle stelle dopo aver siglato il contratto per Calais.

Levene e la guerra in Medio Oriente

Levene ha interessi anche dall’altro lato della crisi dei rifugiati, in Siria. È in carica del Defence Reform Report annuale del governo britannico. Raccomanda che si prenda coscienza dell’importanza di “guerra cibernetica, collaborazione internazionale, intelligence, sorveglianza” e ancora meglio “altri servizi”.

Levene beneficia direttamente dall’aumentare della spesa militare. È vice direttore di Starr International, fornitore di servizi di sicurezza ed intelligence per governi. È anche direttore di General Dynamics UK Ltd.

Ad essa è stato garantito un contratto da 135 milioni di sterline il 6 marzo 2016 per un upgrade delle comunicazioni tattiche e dei sistemi informativi dell’esercito britannico. L’azienda fornisce soluzioni ingegneristiche e servizi di sviluppo per il deterrente nucleare UK Trident. Il governo USA ha anche co-garantito un contratto da 682 milioni di dollari per fornire bombe alla Turchia.

In cambio il governo turco probabilmente userà quelle bombe contro i combattenti curdi in Siria ed in patria: forze che persino l’occidente ammette essere tra le più efficaci nella lotta a Daesh. In altre parole, la General Dynamics contribuisce al proseguire della guerra in medio oriente.

Un sacco di soldi senza sforzo

Non sono solo politici ed aziende brit a trarre beneficio dalla guerra in Siria e dal protrarsi della crisi umanitaria.

In Grecia, un’azienda chiamata Group Bull ha siglato un contratto per 101 macchine per leggere impronte digitali per registrare i migranti. L’azienda che sta sopra a Bull è Atos – il più grande fornitore del comando di controllo aereo e dei servizi informativi della NATO (airC2IS) in Turchia. Questo sistema è stato creato per ottenere “l’efficiente ed efficace utilizzo dell’unione delle forze aeree messe a disposizione della NATO”. “A disposizione” come le bombe usate dall’occidente per fare a pezzi la Siria.

L’azienda francese Unisys, nel frattempo, ha ricevuto un contratto UE per implementarne i sistemi IT. Il direttore di Unisys Philippe Germond fa anche parte del CDA di Qosmos, attualmente indagata per aver fornito al governo di Assad software di sorveglianza. La Unisys ha anche un contratto in corso con il governo USA per i sistemi di difesa ClearPath che supporta la logistica dell’aviazione statunitense – ovvero le missioni in Siria.

Seguire i soldi

Per ora nel 2016, più di 325.000 rifugiati sono fuggiti in Europa, di questi 91.000 sono bambini. La maggioranza viene dalla Siria, dove il conflitto ha ucciso più di 400.000 civili da quando è iniziato nel 2011. Mentre la crisi continua, continua ad aumentare il numero di rifugiati.

Ben lontane dal preoccuparsi di come porre fine alla catastrofe umanitaria ai due lati della situazione, le aziende e i politici stanno semplicemente approfittando di questo caos. Solo un’altra prova che si possono fare un sacco di soldi con la miseria dei migranti.



Fonte: http://www.thecanary.co/

Link: http://www.thecanary.co/2016/10/25/real-reason-calais-jungle-clearance-isnt-may-think/

25.10.2016

Il testo di questo articolo è liberamente utilizzabile a scopi non commerciali, citando la fonte comedonchisciotte.org e l’autore della traduzione FA RANCO

domenica 30 ottobre 2016

Erdogan consolida il potere

Israel Shamir
The UNZ Review


foto Thomas Koch / Shutterstock.com




La Turchia è inquieta. Il presidente Erdogan sta consolidando il suo potere, cercando di sbarazzarsi di interferenza fastidiose del Parlamento. Egli intende riformare la Turchia in una repubblica presidenziale, assumendo i poteri di un presidente americano. Vuole essere un califfo, la gente di Istanbul scherza, e lo chiamano "sultano Erdogan". E il colpo di stato fallito a luglio è stato utilizzato come pretesto per una grande epurazione nella struttura del potere. Tuttavia, il risultato può essere migliore di quel che molti osservatori si aspettavano.


Ho appreso molto, durante la mia visita in Turchia, dove mi è stata data l'opportunità di incontrare i membri turchi del parlamento, ministri e capiredattori dei principali mass media. Mi aspettavo che il fallito colpo di stato appartenesse alla storia, ma mi sbagliavo.

La sua ombra getta pesantemente sugli eventi di tutti i giorni nel paese. Mi sono state mostrate le macerie in parlamento, dove è caduta una bomba lanciata dai golpisti; vi è una mostra fotografica di precedenti colpi di stato militari che hanno avuto successo , poi, un quadro orribile del presidente Menderes sulla forca. I colpi di stato turchi non sono stati incruenti. L'esercito intende mantenere il potere per sé e per i suoi alleati della NATO.

Il colpo di luglio ha causato la morte di 240 persone, la metà di loro uccisi al ponte sul Bosforo in un confronto con l'esercito. Non è da confrontare con il colpo di stato in Egitto, dove le vittime sono state  migliaia; e dove l'esercito ha sconfitto il legittimamente l'eletto moderato-islamista Presidente Morsi.

Dopo il colpo di stato, Erdogan ha cominciato l'epurazione dei Gulenisti, o Fethullisti, come chiamano i seguaci di Fethullah Gülen, il padre politico del Islam moderato turco e creatore della vasta rete scolastica che raggiunge 160 paesi. Dovevano essere gli iniziatori del colpo di stato. In realtà non è chiaro se Gülen e i suoi seguaci erano dietro al colpo di stato, ma sono sicuramente nemici di Erdogan.

L'epurazione non è cruenta, ma dolorosa: i Gulenisti eliminati non vengono uccisi, ma perdono il posto di lavoro e spesso finiscono in prigione. Almeno settanta o ottantamila uomini sono stati eliminati, 35.000 sono imprigionati. Sono giudici, ufficiali dell'esercito, funzionari e molti insegnanti. 500 persone sono stati eliminati dal Ministero degli Affari Esteri, alcuni di loro rifiutano di tornare a casa quando sono richiamati. Lo stato di emergenza dichiarato subito dopo il colpo è stato esteso pochi giorni fa per altri tre mesi.

Tale giustizia di emergenza è notoriamente cieca: un giudice morto tre mesi prima del colpo di stato, è stato epurato per la sua partecipazione al colpo di stato. Alcune società appartenenti al Gulenisti sono state  confiscate, mentre i loro obblighi e debiti rimasti come proprietari espropriati. E' difficile difendersi contro tali accuse discutibili di Gulenismo.

I turchi rispondono con una battuta  in riferimento alla 'giustizia cieca': "Un uomo cieco chiunque lo può prendere".

Il governo sostiene che i Gulenisti hanno formato un'organizzazione chiamata FETO, e descritta come "organizzazione terroristica". Essi la comparano a Daesh (ISIS), al cartello di Medellin e (sorpresa!) ai gesuiti.

Tuttavia, è difficile da comprendere in che modo i Gulenisti siano terroristi. La cosa peggiore di cui sono accusati è di aver ottenuto  fraudolentemente i ticket d'esame per il servizio civile e, quindi, garantire buone posizioni per i loro seguaci. Questo non può essere il cricket,  e difficilmente è atto di terrorismo.

Come si può smascherare un Gulenista? Questo non è un compito facile, ma ci sono un paio di spunti per rivelano un cripto-Gulenista.

Gli utenti del sistema di messaggi ByLock sono sospetti. Questo messaggi amatoriali sono popolari tra i seguaci di Gülen e alcune persone coinvolte nel colpo di stato. Centocinquantamila utenti di ByLock vengono esaminati. Questo sistema di messaggistica era stata violata da parte dei servizi di sicurezza dello stato tempo fa, perché ha una sicurezza light. In seguito, i complottisti sono  passati ai messaggi sul professionale WhatsApp. Quello offerto ha una buona sicurezza, ma è stato sufficiente impadronirsi dello smartphone di un complottista per ottenere l'accesso agli altri.

Un altro modo per smascherare un cripto-Gulenista è quello di individuare la regola del dollaro di un seguace di Gülen ricevuto dal suo guru. Mi è stato detto da un membro del parlamento che un vero Gulenista spesso cuce la banconota da un dollaro sulla biancheria intima, in contatto con la pelle.

Questa idea è stata introdotta da Lubawitscher Rebbe di Chabad Hassids. Il fine del Menachem Mendel Schneersohn inoltre ha dato vita alle banconote da un dollaro e la vodka  benedetta per il consumo dei suoi Hassids '. Ha conversato con Dio, e così ha fatto Gülen - secondo i suoi seguaci e avversari. Gli Hassids hanno cercato di ottenerne l'influenza, con notevole successo - ma non sono mai stati chiamati "terroristi".

Gülen era stato, e rimane una figura molto potente nel mondo di lingua turca, in particolare nella ex URSS e la Cina, dal Tatarstan e Yakutia di Sinkiang (Xinjiang). I giovani provenienti da Kazakistan e l'Uzbekistan hanno studiato nelle sue scuole. Il movimento Gülen era stato considerato il ramo filo-occidentale del leader politico moderato dell'Islam. Praticamente tutti i moderni islamisti della Turchia sono passati attraverso le sue scuole. E' stato il più importante alleato di Erdogan nella sua lotta contro i violenti kemalisti secolari che hanno governato la Turchia fino al 2002.

Si è detto che i kemalisti fossero abbastanza filo-americani, ma hanno rifiutato di privatizzare i beni pubblici. Erdogan e Gülen erano ugualmente filo-americani, e hanno accettato l'idea di una massiccia privatizzazione e vendita di beni a società occidentali americane e altri. Gran parte della ricchezza turca è ora nelle mani straniere, e questo è ciò che inibisce l'inversione a U Erdogan verso la Russia.

Mentre Erdogan e Gülen erano amici e partner, Gülen ha aiutato Erdogan ha esautorare i generali dell'esercito secolari e onnipotenti. I suoi seguaci, ben consolidati nel ramo legale del governo, hanno organizzato l'affare Ergenikon. Avevano sostenuto di aver scoperto una vasta cospirazione terrorista ultranazionalista chiamata Ergenikon e inviato 43 generali e molti politici in prigione. Erdogan rimase sorpreso da questa impresa di Gülen, stupito e spaventato, come questo vecchio dalla Pennsylvania, controllava apparentemente l'ordinamento giuridico della Repubblica , la polizia gli avvocati  e i tribunali.


Infatti Erdogan aveva buone ragioni per avere paura. Nel 2013, Gülen ha chiesto che Erdogan gli desse un centinaio di seggi al Parlamento, e quando è stato rifiutato, ha scatenato la sua macchina legale sul suo vecchio amico. Nel mese di dicembre 2013 seguaci Gülen nella polizia e l'ufficio del procuratore generale hanno accusato i ministri del governo Erdogan di corruzione. Tra gli accusati vi era Bilal, il figlio di Erdogan, e gli amici personali di Erdogan.

Invece di cercare di confutare le accuse  sostenute dai casi nei tribunali, Erdogan ha descritto le accuse come "un tentativo di colpo di stato." È andato dalla gente, viaggiato per il paese, ha fatto appello alle masse, e le masse lo hanno sostenuto. Ha costretto la polizia e i tribunali a chiudere i casi, e ha iniziato la sua de-Gulenisazione della Turchia.

Per le persone cresciute con il concetto della supremazia del diritto, questo la sente come una parodia del normale ordine delle cose. Tuttavia, la legge non è migliore del legislatore o dell'esecutivo, o meno democratica, è meno collegata al comune cittadino, ma è legata al potere reale del denaro. Negli Stati Uniti, non vi è alcun Gülen o Gulenista, ma i giudici a partire della Corte Suprema possono prescindere dalla volontà del popolo, come abbiamo osservato quando hanno spinto per i matrimoni dello stesso sesso o per il diritto delle imprese di comprarsi i candidati. Essi sono lo Stato profondo, quindi l'idea del loro sradicamento non è male.

Sì, vogliamo giustizia, ma vogliamo più  democrazia. Una volta, i giudici degli Stati Uniti eletti, erano tutti collegati alla gente, ma ora non lo sono più. In Turchia, Gülen aveva  successo nel promuovere la sua gente a posizioni giuridiche; aveva perso il sostegno del popolo. E i turchi erano pronti a perdonare Erdogan anche alcuni molto corrotti:le persone si sentivano accudite , mentre non si sentivano d'esserlo da Gülen e i suoi seguaci.  Per il sistema legale, la corruzione è un reato, e un politico corrotto deve andare in carcere. Se un politico non è corrotto, può essere condannato per una proposta indecente a una donna. Così il sistema giuridico ha il potere di bloccare qualsiasi politico, e ignorare il processo democratico. Erdogan è riuscito a sovrascrivre il sistema giuridico.

Dopo la sua vittoria del dicembre 2013, Erdogan ha accusato Gülen e i suoi seguaci di aver creato il complotto Ergenekon e arrestato molte persone innocenti. Generali e politici riacquistano la libertà.

Ad Ankara, ho incontrato un leader della fazione parlamentare repubblicana kemalista, Mustafa Ali Balbai. Questo bell'uomo, muscoloso, dall'aspetto europeo (come molti turchi )  ha fatto cinque anni di carcere per il suo presunto coinvolgimento nella cospirazione Ergenekon.   'stato eletto al parlamento, mentre era ancora prigioniero, e ultimamente è stato liberato. "Ora i giudici che mi hanno condannato sono loro stessi in carcere ", ha detto allegramente.

Forse la trama Ergenekon non esiste affatto? Ho chiesto al capo redattore della CNN Turk, un network potente, che ha interpretato il ruolo chiave nella neutralizzazione del colpo di stato di luglio. "C'è stato un nucleo del complotto, un piccolo nucleo, che è stato trasformato nel mostro che non è mai stato", ha detto. In altre parole, ci fu un complotto, ma un complotto dei giudici e dei servizi di sicurezza, il più frequente tipo di cospirazione.

Per quanto riguarda purghe attuali di presunte Gulenisti, il numero la dice lunga sulla sua estensione. La polizia di Ankara aveva ricevuto quarantamila suggerimenti di denuncia dei vari Gulenisti, mi è stato detto al mio arrivo alla capitale della Turchia. Mogli denunciano mariti infedeli, i proprietari denunciano gli inquilini che sono in arretrato. E' diventata un accusa universale; naturalmente la polizia non sta arrestando tutti, ma molta gente è  stata convocata per le indagini. Questo ricorda la campagna di McCarthy negli Stati Uniti, o la campagna contro i trotzkisti in URSS del 1930.

Per alcune persone, l'epurazione non è coerente. Un redattore di un piccolo giornale, chiamiamolo Mehmet, mi ha detto: "Se dovessero eliminare tutti i seguaci di Gülen, non avrebbero nessun partito e nessuna fazione in Parlamento. Tutti i capi di partito e di tutti i ministri passavano attraverso la rete di Gülen. L'epurazione riguarda solo persone insignificanti, quelle importanti gli sfuggono. "

Tuttavia, non vi è alcun dubbio, Erdogan prende l'epurazione molto sul serio, come ha fatto con la cospirazione di Ergenekon cinque anni fa. Egli non vuole avere Gülen in piedi dietro la schiena pronto a  pugnalarlo, e  preferisce rimuovere completamente quella rete, estesa quale era. Erdogan dice che il colpo di luglio è stato il secondo, mentre quello precedente è stato il tentativo di usare la polizia e il Foro nel dicembre 2013 contro di lui e la sua famiglia.

Le relazioni della Turchia con la Russia e con gli Stati Uniti sono direttamente connessi con la storia dei due colpi di stato. Ho visitato la Turchia subito dopo, ottobre 2016, la visita di Putin, quando i due leader hanno deciso di procedere con l'importante gasdotto, e completato l'ultimo, o il più recente tratto delle loro relazioni a zig zag.

L'amicizia Erdogan-Putin ha subito un inaspettata forte battuta d'arresto nel novembre 2015, quando un aereo russo SU-24 è stato abbattuto da un missile aria-aria sparato da un jet turco sulla Siria. Le relazioni sono stati interrotte, i turisti russi smisero di arrivare, le verdure turche hanno perso il mercato russo, e i progetti sul petrolio e il gas sono stati accantonati.

Nel mese di giugno 2016, ci fu un altro a zig-zag. Erdogan ha inviato le sue scuse, e le relazioni si sono trasformate in meglio di prima del colpo di stato di luglio. Forse questo passaggio di Erdogan ha effettivamente attivato il tentativo di colpo di stato. Dopo il colpo di stato, la strada  si è lastricata di rose . Nel mese di agosto, Erdogan ha visitato la Russia e si è incontrato con Putin. Questo era il suo primo viaggio all'estero dopo il colpo di stato. E ora, nel mese di ottobre, Putin è salito a Istanbul e ha segnalato che i loro rapporti erano cordiali come sempre. Anche il progetto del gasdotto è stato firmato, facendo cadere l'unica leva che Kiev aveva su Mosca.


I Gulenisti son tornati utili in questo caso,: l'abbattimento del Su-24 è stato attribuito a loro, anche se in precedenza Ahmet Davutoglu, il Presidente del Consiglio, dice di averlo ordinato personalmente. D'altra parte, Davutoglu era vicino a Gülen e addirittura lo ha visitato nel 2013, ma allora, Gülen era ancora una persona grata alla Turchia. È stato dichiarato che Davutoglu si stesse preparando ad assumere il potere in caso di successo del colpo di stato.

Allora perché la Turchia si volge alla Russia e si allontana dagli Stati Uniti, il suo vecchio socio? Mehmet, l'editore, attribuisce questa mossa al ben sviluppato istinto di autoconservazione di Erdogan.

Pare che l'amministrazione americana abbia deciso di abbandonare l'indisciplinato Erdogan  tempo fa, ed installare l'uomo di Gülen Ahmet Davutoglu in sua vece. 

Uno dei maggiori esperti neocon americano sulla Turchia, Michael Rubin, aveva chiesto la testa di Erdogan da un bel po di tempo. Nel marzo 2016 ha chiamato per un colpo di stato, in agosto 2016, ha detto Erdogan dovrebbe incolpare se stesso del colpo di stato, e ora nel mese di ottobre ha previsto , o meglio chiamato un altro colpo di stato.

Il nuovo colpo di stato è previsto per il 10 novembre o giù di lì, e inizierà con l'assassinio di Erdogan, è stato detto. Erdogan considera il suo partenariato con la Russia e l'amicizia con Putin la sua unica possibilità di sopravvivere politicamente.

Gli americani sono sconvolti dall'atteggiamento di Erdogan sui curdi siriani. Il presidente turco si preoccupa di preservare la Turchia, vuole lo stato intatto in groppa del vasto impero ottomano, mentre gli americani preferiscono smantellare del tutto la Turchia, e creare un Grande Kurdistan nelle zone prevalentemente popolate da curdi nella Turchia, Iraq e Siria.

Gli americani vorrebbero i curdi siriani si unissero alla loro enclave, ma Erdogan non è d'accordo e in realtà ha fermato la loro offensiva.

Ora la battaglia per Mosul è un nuovo punto di disaccordo. La Turchia, dice Erdogan, ha certi diritti su Mosul. La città e la sua area erano stati illegalmente sequestrati dai britannici, dicono i turchi. Mustafa Kemal Ataturk ha provvisoriamente concordato che Mosul venisse dato all'Iraq nel 1926, ben dopo il Trattato di Losanna (1923). E ora Mosul è oggetto di contesa per Erdogan  dopo che Daesh è uscita e si sono  insediati i curdi. La gente di Mosul non è contenta  della prospettiva di passare ai curdi o al governo prevalentemente sciita di Baghdad.

Nella lotta per Mosul e per Aleppo, nelle battaglie tra le enclavi curde in Siria, Erdogan va contro la volontà degli Stati Uniti. Il problema è che non ci sono molti  leader turchi importanti che sono pronti a stare in piedi a Washington. L'opposizione kemalista e le forze Guleniste preferiscono accettare la linea americana, più o meno.

Se Erdogan perde la lotta di potere, la Turchia può crollare in una guerra civile: tra turchi e curdi, tra i vari movimenti islamici e i kemalisti. Questo era lo scopo del colpo di stato di luglio, mi è stato riferito da Ali Mustafa Balbai, il deputato repubblicano.


Non è sicuramente un momento facile. La lira turca è andato a sud. L'ordine del giorno è stato cambiato: una volta, piazza Taksim manifestava contro Erdogan, ora dimostrano contro la schiacciante presenza di rifugiati siriani e iracheni. Non solo la destra europea: la Turchia ritiene inoltre ci siano troppi profughi. Sono impauriti che la battaglia per Mosul costringerà i due milioni di abitanti di quella città a trasferirsi in Turchia.

I manifestanti sono diversi. Si tratta di persone comuni che dimostrano contro l'afflusso di siriani, mentre i turchi istruiti e occidentalizzati manifestato contro Erdogan. Questi ultimi sono molto depressi e discutono se avranno un futuro in Turchia. La classe politica è a terra. Loro non amano il regime autoritario del sultano Erdogan. I Gulenisti sono estremamente dispiaciuti. I generali stanno ancora valutando le loro posizioni dopo tante epurazioni. E la disputa di lunga data tra le popolazioni laiche e religiose va avanti senza sosta.

Mentre gli Stati Uniti hanno una idea precisa in che modo dovrebbe essere la Turchia, il suo concorrente, la Russia,  non si preoccupa della politica interna turca. O della politica interna di nessun  altro. 

Gli americani sotto Obama, e presumibilmente ancor più sotto Clinton sono in grado di interferire; di imporre le loro regole per i costumi dei matrimoni omosessuali. Mentre i russi invece non interferiscono.

Questa è la loro tradizione fin dai tempi immemorabili. Essi non interferiscono nella vita privata degli uzbeki i tagiki i ceceni, i finlandesi, e polacchi. È per questo che in Russia si possono trovare zone governate dalla legge islamica, dalla tradizione buddista e anche dalla pura abitudine politeista.

Per i russi, Erdogan è un partner prezioso, e   hanno permesso a lui  - e altri turchi - di decidere se avere una repubblica parlamentare o una repubblica presidenziale e se le ragazze devono andare in giro con lo Chador  o senza. Si può essere sicuri che i russi non imporranno cosa fare nella loro vita privata. Questo è il grande vantaggio di avere i russi per alleati.

Vedremo se avere tali buoni alleati sia sufficiente per sopravvivere. Molto dipende dalle elezioni americane: Erdogan era furioso quando la signora Clinton ha sostenuto le ambizioni curde. Ma, è il mondo intero ad attendere la decisione del popolo americano.


Israel Shamir può essere contattato via e-mail adam@israelshamir.net


La fonte originale di questo articolo è UNZ Review
Copyright © Israel Shamir , UNZ Review 2016

sabato 29 ottobre 2016

TETTI SOLARI SENZA GOFFI PANNELLI: Elon Musk svela il design più atteso per I tetti 

Ivan Penn e Russ Mitchell

“The key is to make solar look good. 

We want you to call your neighbors over and say, 
‘Check out this sweet roof.’ ”

Al vecchio set "Desperate Housewives" della Universal Studios Hollywood, il CEO di Tesla Elon Musk sfoggia un nuovo tetto di tegole solari prodotte da SolarCity, che la Tesla ha comprato. Quattro case Wisteria Lane sul set sono stati ricoperte con un nuovo tetto di tegole solari. (Ivan Penn / Los Angeles Times)








Dopo aver accennato per settimane a un design innovativo per attirare i clienti favorevoli all'energia solare, il miliardario imprenditore Elon Musk  Venerdì ha presentato una linea di tegole di alto design che generano energia dal sole senza i goffi  pannelli venduti dalle varie aziende.

"La chiave è quella di rendere il solare una bella visione da vedere", ha detto Musk durante l'introduzione del prodotto sulla scena del vecchio set della serie di ABC  "Desperate Housewives" all'esterno degli studi della Universal Studios di Hollywood. "Vogliamo chiamare, i vostri vicini, a dare un'occhiata a questo bel tetto."

Musk, amministratore delegato di Tesla e presidente di SolarCity , intende costruire un ecosistema di energia alternativa personale collegata con il software e un design armonioso, il tutto sotto il marchio Tesla. L'idea è che i proprietari di abitazione con mentalità verde si mescolino con i fanatici automobilisti nei nostri negozi di vendita al dettaglio Tesla per fare acquisti di auto elettriche, stazioni di ricarica, tetti solari e batterie a parete per l'immagazzinamento di energia , tutti disponibili e progettati per funzionare al meglio come sistema.

La nuova configurazione svelata Venerdì comprende anche un aggiornamento della batteria Powerwall di Tesla, che può banca energia per volte il sole non splende per entrambi gli usi domestici e la ricarica della Tesla in garage.

Per promuovere l'energia integrata, Tesla ha offerto più di $ 2 miliardi per comprare SolarCity, che è gestito dal cugino di Musk , Lyndon Rive. Gli azionisti delle due società votano sulla fusione 17 novembre.

Il concetto di integrare pannelli solari sui tetti è stata tentata da altri, con risultati alterni. Dow Chemical Co., per esempio, ha recentemente progressivamente orientata la propria attività sul solare.

Scott McIntyre, dirige una società in Florida che  installa sistemi solari integrati per tetti  su edifici commerciali dal 2008, ha definito l'annuncio di Musk "una manovra di marketing per cercare di aumentare le vendite."

"Mentre mi congratulo con il signor Musk e hanno grande ammirazione per lui e le sue tecnologie, i tetti integrati non sono particolarmente nuovi", ha detto McIntyre, amministratore delegato di Tampa  per la gestione dell'energia solare.
"Quello che Tesla-SolarCity sta cercando di fare è renderla esteticamente attraente", ha detto. "Hanno una grande macchina di marketing. Lui sa come creare una campagna pubblicitaria. 
E' stato pubblicizzato.

Non molto tempo prima, con un webcast in diretta streaming dell'evento, Musk ha rivelato che la sua versione di un prodotto solare sul tetto integrato per i proprietari che potrebbero fuggire dai pannelli solari a box tradizionali agganciati sopra le tegole  dei loro .

L'impresario tech, vestito casual in maglione grigio e jeans, aveva commissionato tetti di con tegole solari per quattro case lungo il Wisteria Lane, dove i personaggi del set di "Desperate Housewives" sono apparsi tra il 2004 e 2012.

Decine di clienti e VIP Tesla e SolarCity, molti dei quali sono arrivati ​​con l'auto elettrica Tesla, per fare uno spuntino con hamburger, maccheroni e formaggio, pannocchie e insalata di cavolo. Essi ammiccano a quattro tipi di tegole solari in vetro che assomigliano all'ardesia francese, alle mattonelle tipo toscana e a versioni più materiali di copertura tradizionali con superfici lisce o strutturate.

"Vogliamo che si vedano meglio, che durino più a lungo, e forniscano un migliore isolamento e un costo minore, tutto sommato," di un tetto convenzionale con i pannelli solari appoggiati sopra, ha detto Musk , senza fornire dettagli circa il costo o l'efficienza delle tegole.

Musk ha detto che la società dovrebbe iniziare a far stendere le tegole solari entro l'estate, a partire dalla California, il più grande mercato degli Stati Uniti sul  solare.

Musk e Rive hanno promesso nel mese di agosto che avrebbero rilasciato un prodotto, che Musk ha detto che "darà un bel risalto. Una delle cose di cui sono davvero entusiasta ".

Rive dice, scommetto che l'annuncio innescherebbe una crescita delle vendite in quanto la società SolarCity attira i proprietari di abitazione fuori a fianco del nuovo design. "Mi aspetto un aumento notevole nel quarto trimestre."

I ricavi nei primi sei mesi dell'anno sono quasi raddoppiati dallo stesso periodo del 2015, ma la perdita netta della società per il 2016 è stata di $ 230.000.000 .

il valore delle azioni di SolarCity è lontano dalla su debutto del febbraio 2014 di $ 84,96 per azione. Il prezzo delle azioni si aggirano ora a $ 20 per azione.

Per Musk, che ha appena registrato un utile trimestrale sorprendente per Tesla, il design è sempre stato supremo.

La società aveva modellato eleganti i accumulatori per casa Powerwall con le linee che completano la silhouette di una Tesla Model S, ma per  Musk, i pannelli solari di SolarCity sembravano gli stessi prodotti di base che ogni altro installatore vendeva.

Ha perciò spinto l'azienda non solo per rendere il prodotto più economico ma anche più efficiente, e bello a vedersi oltre che  migliore.

"Questo deve essere una risorsa per la vostra casa", ha detto, ripetendo in apparizioni pubbliche nel corso delle ultime settimane.

Musk dice di trascorre la maggior parte del suo tempo in progettazione e ingegneria,  Mercoledì ha sottolineato il rapporto essenziale tra i due aspetti in una conferenza stampa con gli analisti azionari.

"E' importante avere uno stretto controllo sulla produzione dei pannelli solari ... per avere un buon prodotto per il tetto", ha detto. "Samo  in grado di eseguire rapidamente l'iterazione per averli esattamente nella forma che li vogliamo."

Un sondaggio del 2014 del fornitore di energia solare per casa la Lumeta ha scoperto che poco meno di un terzo degli intervistati hanno considerato un  aspetto molto o estremamente importante l'autoproduzione di energia, mentre poco più di un terzo ha detto che l'aspetto era leggermente importante o meno importante .

"La gente spende molto tempo a cercare di creare un ambiente attraente", ha detto Andy Ogden, presidente del programma di progettazione industriale, laureato presso l'ArtCenter College of Design di Pasadena. "Non vogliono scatole di vetro applicate su un lato del loro tetto."
Rendere i tetti solari più attraenti "aumenta il numero di persone che predilige l'installazione solare", ha detto.
Rive ha osservato nel mese di agosto che 5 milioni di case americane hanno montato nuovi tetti solari in più nell'anno - "davvero un grande segmento di mercato" che non cannibalizza il mercato esistente di SolarCity.


Un tetto di tegole solari, come il tipo che Tesla e il piano di SolarCity stanno per produrre, su una vecchia casa "Desperate Housewives" agli studi della Universal Studios di Hollywood. (Ivan Penn / Los Angeles Times)















venerdì 28 ottobre 2016

Mettete al sicuro vostre figlie , Miley Cyrus conduce una campagna elettorale volgare e indecente a favore di Hillary Clinton

 AMY MORENO


Hillary dice di essere molto  preoccupata dall'oggettivazione delle donne, allora ci si chiede, perché  permette che una cantante come Miley Cyrus faccia campagna elettorale a suo sostegno con tutte quelle immagini volgari e sessiste con scene orripilanti e di porno hard estremo ?


...ovviamente alla Clinton , non gliene importa nulla di tutto questo perché Lei è a capo di un sistema mafioso completamente degenerato e disumanizzato, mentre di fronte ai media e alle famiglie americane non fa altro che recitare delle precise parti che servono solo allo scopo, la sua investitura alla massima carica degli USA, e nulla importa il modo per ottenerla, vedi omicidi di medici, consulenti e giudici , in sintesi un po quel che diceva Machiavelli... ogni azione efficace per raggiungere lo scopo va  bene..




Se avessi una figlia piccola, che vede queste immagini con il contenitore a forma  fallica piena di  sperma, non vorrei che emulasse una tale indecente  persona.

E' disgustoso oltre la decenza, ma Hillary fa fare la sua campagna elettorale tra i giovani proprio da questa perversa vip del porno sadomaso .

E vogliamo credere alle parole di Hillary e alla sua campagna di "indignazione" sulle vecchie storie da "spogliatoio" , con una campagna imbastita dai media delle corporate della mafia khazariana tutta intenta a sostenere la candidata neocon, con queste idiozie contro Donald Trump?

Risparmiateci almeno l'ipocrisia.















Grande roba le ragazze, per Hillary.



Amy Moreno è l'autore , Pug Amante & Game of Thrones Nerd. È possibile seguirlo su Twitter qui e Facebook qui .
LA GUERRA DELLA NATO AL SUB-IMPERIALISMO  ITALIANO

Di comidad 


Secondo la propaganda ufficiale gli attuali contrasti tra la Russia e il cosiddetto Occidente sarebbero dovuti ad evidenti incomprensioni russe sulle reali intenzioni della NATO. I Russi infatti non avrebbero compreso che i missili dislocati dagli USA in Polonia ed in Romania avevano il solo scopo di proteggere l’Europa, Russia compresa, dalla minaccia nucleare iraniana. Allo stesso modo i Russi non avrebbero compreso che cedere le proprie basi navali in Crimea ed in Siria alla NATO sarebbe andato tutto a loro vantaggio. Da parte occidentale forse ci sarebbe dovuta essere più comprensione nei confronti delle paranoie russe. In fondo sono Russi, non possono mica essere perspicaci come noi “Occidentali”.


Al di là degli scenari che si prospettano, di una nuova guerra fredda o di un conflitto aperto, sta di fatto che le sanzioni economiche europee e americane nei confronti della Russia hanno già fatto una vittima certa, cioè l’Italia, l’unico Paese che, con la parziale eccezione dei tentativi del governo Letta, si è dimostrato pienamente succubo alla disciplina sanzionista. I danni per l’import-export italiano sono stati devastanti, ma il governo Renzi, al di là di dichiarazioni generiche, non ha mostrato alcuna velleità di ovviare alla situazione, perciò, allo stato attuale l’unica forza politica che si dichiara contraria in modo deciso alle sanzioni, con accenti addirittura filo-russi, appare la Lega Nord.
Ad essere saltato definitivamente per le sanzioni non è soltanto il volume dello scambio italo-russo, ma anche l’asse ENI-Gazprom. Sino al 2011 la multinazionale italiana e quella russa costituivano un vero e proprio cartello che sembrava avere orizzonti sconfinati di espansione in Asia e Africa. L’intervento della NATO in Libia chiuse quegli orizzonti e, come ha detto l’ex Presidente del Consiglio Romano Prodi, in quell'occasione si vide persino l’assurdo di un’Italia che scendeva in guerra contro se stessa.


Questo bellicismo rivolto contro i propri interessi presenta altri precedenti. Nel 1999 la NATO
costituì ad hoc un governo D'Alema per condurre la campagna di bombardamenti contro la Serbia che chiuse la partita del conflitto nella ex-Jugoslavia. Anche la Jugoslavia era stata una sorta di colonia commerciale dell’Italia, ma sulla stampa e nel dibattito politico dell’epoca quegli interessi commerciali, che la destabilizzazione della Jugoslavia faceva saltare, non ebbero alcuna risonanza.
Ancora un altro precedente: nel 1991 una rivolta in Somalia mise fine al governo filo-italiano dell’ex carabiniere Siad Barre ed al sistema lasciato in eredità dall'Amministrazione Fiduciaria italiana del decennio ‘50-‘60. Fu il primo esordio dell’uso di milizie islamiche non più in funzione anti-russa, ma per colpire gli interessi di un Paese membro dell’alleanza atlantica. Nemmeno allora si fece alcun cenno al danno che ciò comportava per il commercio africano dell’Italia. Nel 1993 truppe italiane si accodarono ad un’operazione di “peace-keeping” con egida ONU, ma voluta da Clinton. Manco a dirlo quella “pacificazione” rese irreversibile il processo di destabilizzazione della Somalia, prefigurando ciò che sarebbe avvenuto venti anni dopo in Libia. Gli stessi militari USA presero in Somalia una batosta clamorosa nella battaglia di Mogadiscio del 1993, ma il loro obiettivo di estromettere la concorrenza italiana in quell'area fu ugualmente raggiunto.
In poco più di venti anni l’intero quadro del sub-imperialismo italiano è stato annichilito ad opera di “alleati” dell’Italia, non solo gli USA, ma anche Francia e Regno Unito, protagoniste dell’assalto militare al feudo ENI in Libia. Il sub-imperialismo è quello spazio coloniale che un Paese in posizione subordinata nella gerarchia imperialistica riesce a ritagliarsi in proprio. Attualmente gli USA tollerano un sub-imperialismo francese e britannico in Africa ed un sub-imperialismo tedesco in Europa, mentre l’Italia ha rappresentato il capro espiatorio.


Forse le nostre classi dirigenti non se ne sono accorte? Certo che sì, ma la priorità, come sempre, è stata data alla lotta contro il nemico interno, cioè il lavoro, contro il quale non si può fare a meno dell’appoggio dell’imperialismo atlantico. Le oligarchie locali non affidano la loro sopravvivenza al radicamento territoriale ma all’integrazione nelle lobby finanziarie globali. Alle perdite in termini di commercio internazionale e di produzione industriale si è quindi compensato con il business del caporalato istituzionalizzato delle agenzie di lavoro interinale e con la finanziarizzazione del lavoro, cioè con l’abbattimento dei salari in funzione della loro sostituzione con i prestiti. Persino le insolvenze dei debitori possono diventare un business attraverso il recupero crediti.

Alcuni avevano sperato che l'ENI, con i suoi enormi mezzi finanziari e la sua rete di contatti internazionali, potesse costituire il perno di una politica estera alternativa; purtroppo però l'ENI si è rivelato tutt'altro che una soluzione, bensì una parte del problema. L'ENI aderisce alla lobby mondiale che ha interesse a tenere alti i consumi energetici e perciò preme perché vengano lasciate inutilizzate molte delle nuove tecnologie in campo elettrotecnico. Si tratta proprio di quelle tecnologie che consentirebbero ad un Paese come l’Italia un massiccio risparmio energetico e, di conseguenza, la possibilità di evitare pericolosi passivi nella bilancia commerciale. Lo stesso ENI ha rivolto le sue mire coloniali verso l’interno e, in accordo col governo Renzi, ha avviato una campagna di trivellazioni devastanti per il nostro territorio. Trivellazioni che, oltretutto, sottraggono risorse che potrebbero risultare preziose per bisogni futuri. L’Ente “Nazionale” Idrocarburi si comporta nei confronti del proprio Paese come una qualsiasi multinazionale straniera.


Il pretesto nazionalistico andava bene finché funzionava come arma contro il lavoro, ma ora l’europeismo e l’atlantismo sono considerati strumenti più efficaci per lo stesso scopo. Il fantasma dell’interesse nazionale viene perciò identificato con la tutela delle organizzazioni sovranazionali.
Non a caso nell'articolo 117 dell’attuale progetto di revisione costituzionale, si afferma che la potestà legislativa di Stato e Regioni si esercita nel rispetto dei vincoli dei trattati internazionali. Non solo l’UE, ma soprattutto la NATO, assurgono ufficialmente al ruolo di nume tutelare della Repubblica.
A sostegno della mitologia europeistica ed occidentalistica, instancabili campagne mediatiche diffondono nell'opinione pubblica l’odio di categoria, in particolare nei confronti dei dipendenti pubblici, da additare come i responsabili dell’arretratezza italiana.

Le ipotesi di opposizione interclassista come il “sovranismo” (il recupero della sovranità monetaria, la priorità della Costituzione nazionale nei confronti dei trattati internazionali, ecc.) trovano quindi il loro oggettivo ostacolo nell'inestinguibile odio di classe delle oligarchie contro il lavoro.


giovedì 27 ottobre 2016

P A M I R 3   L'ARMA CHE CREA I TERREMOTI

Claudio Prandini
parrocchie.it/



ATTENTI AI TERREMOTI STRATEGICI! GEOLOGI SCOPRONO NELL'AREA CARAIBICA GIACIMENTI DI PETROLIO E GAS LA CUI GRANDEZZA SAREBBE AL SECONDO POSTO DOPO IL MEDIO ORIENTE.

Pamir 3 è parte di una serie di armi ambientali capaci di creare terremoti, tsunami, distruzione dell'equilibrio ecologico di una regione, modificazioni delle condizioni atmosferiche - nubi, precipitazioni, cicloni e uragani - modificazioni delle condizioni climatiche, delle correnti oceaniche, dello strato di ozono o della ionosfera. In questo dossier vedremo le principali armi ambientali.



In questi ultimi anni gli americani sono arrivati alla creazione di una macchina più potente: Pamir 3


INTRODUZIONE

Le ammissioni di un generale italiano:

“La guerra ambientale è gia cominciata”


Nessuno può negare che, dopo Hiroshima e Nagasaki, ci siano state più di 1000 esplosioni nucleari nel sottosuolo terrestre, nella profondità degli oceani e persino nello spazio, esplosioni capaci di causare terremoti e tsunami, e altri disastri ambientali.

Creare un sisma o uno tsunami è dunque possibile. Sono cose vere, scientifiche, provate. Esistono linee di frattura e faglie assai evidenti e note sulla superficie terrestre. Ci sono mappe precise che rivelano i punti deboli e vulnerabili, sui quali è un giochino da ragazzi poter intervenire.

Non ho prove che ci sia stato un esperimento nucleare o convenzionale capace di provocare un determinato terremoto, ma sono abbastanza pessimista per non pensarlo. In 45 anni di carriera militare in giro per il mondo, ne ho viste di tutti i colori.

Negli anni 40, un professore israeliano-neozelandese faceva degli esperimenti in mare tra Nuova Zelanda e Australia, riuscendo a provocare delle onde anomale, dei piccoli tsunami. Lavorava in Australia per conto dell’Università di Auckland, ma i fondi dati a questo progetto erano gestiti dagli Stati Uniti e dalla Gran Bretagna.... (generale Fabio Mini autore dell’articolo Owning the weather ("Possedere il clima"), pubblicato sulla rivista Limes N. 6 del 2007 - Vedi dossier)



Cosa sappiamo al momento dell'arma sismica?

Durante la Seconda Guerra mondiale, alcuni ricercatori neozelandesi hanno tentato di realizzare una macchina in grado di provocare tsunami che potesse essere utilizzata contro il Giappone. I lavori furono diretti dall'australiano Thomas Leech dell'università di Auckland, sotto il nome di "Progetto Seal". Furono realizzati numerosi esperimenti su piccola scala, nel 1944-45, a Whangaparaoa. Gli esperimenti furono coronati da successo.

Gli Stati Uniti consideravano questo programma tanto promettente quanto il "progetto Manhattan" per la fabbricazione della bomba atomica. Fu designato il dottor Karl T. Compton per collegare insieme le due unità di ricerca. Compton era il presidente del MIT [Massachusets Institut of Technology, ndt]. Aveva già reclutato numerosi esperti per lo sforzo bellico ed era una delle otto persone incaricate di consigliare il presidente Truman sull'uso della bomba atomica. Egli pensava che [la bomba] avrebbe potuto fornire l'energia necessaria all'équipe di Leech per provocare grandi tsunami.

I lavori di Thomas Leech proseguirono durante la Guerra fredda. Nel 1947, Giorgio VI innalzò lo scienziato alla dignità di Cavaliere dell'Impero britannico per ricompensarlo di avere elaborato una nuova arma. Essendo il Progetto Seal ancora un segreto militare, non fu rivelato all'epoca che [Leech] era stato onorato per la bomba a tsunami. In seguito, i servizi USA si sono applicati per fare credere che queste ricerche non fossero mai esistite e che tutto fosse una finzione per impressionare i Sovietici. Tuttavia, l'autenticità degli esperimenti di Leech è stata stabilita, nel 1999, quando una parte della documentazione è stata declassificata dal ministero neozelandese degli Affari esteri. Ufficialmente, ora gli studi sono stati ripresi all'università di Waikato.

Si ignora se le ricerche anglo-sassoni siano proseguite negli anni '60, ma esse sono per forza ricominciate quando fu deciso di abbandonare i test nucleari nell'atmosfera a vantaggio dei test sottomarini. Gli Stati Uniti temevano di provocare involontariamente terremoti e tsunami. Volevano saperlo fare volontariamente.

Ufficialmente, alla fine della guerra del Vietnam, gli Stati Uniti e l'Unione sovietica hanno rinunciato alle guerre ambientali (terremoti, tsunami, distruzione dell'equilibrio ecologico di una regione, modificazioni delle condizioni atmosferiche - nubi, precipitazioni, cicloni e uragani - modificazioni delle condizioni climatiche, delle correnti oceaniche, dello strato di ozono o della ionosfera) firmando la "Convenzione sul divieto di utilizzo di tecniche di modificazione dell'ambiente per scopi militari o per altri fini ostili" (1976).

Tuttavia, a partire dal 1975, l'URSS ha iniziato nuove ricerche di Magnetoidrodinamica (MHD). Si trattava di studiare la crosta terrestre e di prevedere i terremoti. I Sovietici studiarono la possibilità di provocare piccoli terremoti per evitarne uno grande. Tali ricerche furono ben presto militarizzate. Sfociarono nella costruzione di Pamir, la macchina per terremoti.

All'epoca dello smantellamento dell'URSS, alcuni responsabili del programma decisero di passarlo agli Stati Uniti per denaro, ma essendo la loro ricerca incompiuta, il Pentagono rifiutò di pagare. Nel 1995, quando la Russia era governata da Boris Eltsin e dall'oligarca Victor Chernomyrdin, l'US Air Force reclutò i ricercatori e il loro laboratorio a Nijni Novgorod. Vi costruirono una macchina molto più potente, Pamir 3, che fu testata con successo. Il Pentagono acquisì allora gli uomini e il materiale e li trasportò negli USA dove furono integrati nel programma HAARP.

Negli ultimi anni sono stati suggeriti alcuni utilizzi dell'arma sismica, particolarmente in Algeria e in Turchia. Tuttavia, il caso più discusso è quello del sisma del Sichuan (Cina), il 12 maggio 2008. Durante i 30 minuti che hanno preceduto il terremoto, gli abitanti della regione hanno osservato colori insoliti in cielo. Se certuni vedono in questi eventi il segno che il Cielo ha ritirato la sua fiducia nel Partito comunista, altri li interpretano in maniera più razionale. L'energia utilizzata per provocare il sisma avrebbe anche provocato le perturbazioni della ionosfera. Nei mesi seguenti, il web e i media cinesi hanno diffuso e discusso questa ipotesi che oggi viene data per certa dall'opinione pubblica cinese. (Fonte web)


 
Progetto HAARP: che cos'è e cosa potrebbe causare 


PAMIR, L'ARMA SISMA CHE  ESISTE DAVVERO

Fonte web

Da una dichiarazione di William Cohen, ex segretario di Stato per la Difesa USA, del 28 aprile 1997 (QUI):

"Others [terrorists] are engaging even in an eco-type of terrorism whereby they can alter the climate, set off earthquakes, volcanoes remotely through the use of electromagnetic waves. So there are plenty of ingenious minds out there that are at work finding ways in which they can wreak terror upon other nations.It's real, and that's the reason why we have to intensify our[counterterrorism] efforts.


Secretary of Defense William Cohen at an April 1997 counterterrorism conference sponsored by former Senator Sam Nunn. Quoted from DoD News Briefing, Secretary of Defense William S. Cohen, Q&A at the Conference on Terrorism, Weapons of Mass Destruction, and U.S. Strategy, University of Georgia, Athens, Apr. 28, 1997."

Traduzione:

Altri terroristi sono impegnati in un tipo di azione "ecologica", nel senso che essi possono alterare il clima, far scatenare i terremoti, le eruzioni vulcaniche, utilizzando onde elettromagnetiche. Molte menti ingegnose stanno lavorando attualmente per mettere a punto i mezzi per terrorizzare intere nazioni. Tutto questo è reale ed è per questo che abbiamo intensificato i nostri sforzi nella lotta contro i terroristi.

Segretario della Difesa William Cohen, aprile 1997. Conferenza dedicata al contro-terrorismo organizzato dal senatore Sam Nunn. Dichiarazioni segnalate al Dipartimento della Difesa (DoD). Conferenza contro il terrorismo. Armi di distruzione di massa e la strategia degli Stati Uniti. Università della Georgia, Atene, 28 aprile 1997.

Leggiamo tra le righe:

Noi sappiamo che questo è possibile perché da tantissimi anni noi (americani) abbiamo tali armi. Una simile tecnologia ha dei costi accessibili, al contrario della tecnologia nucleare.

Spiegazione:

I terremoti e le eruzioni vulcaniche artificiali non sono impossibili, infatti una minima causa, ben localizzata, può generare un cataclisma.

I terremoti sono legati al movimento delle placche, lungo le faglie. Sappiamo che un terremoto devastante è previsto lungo la faglia di S.Andreas, in California. Ma non sappiamo quando, e dunque non conosciamo, a priori, l'energia sufficiente a scatenare il fenomeno. Ma esiste una tecnica che permette di agire sugli strati profondi del sottosuolo con delle onde elettromagnetiche.

Negli anni settanta i Russi avevano costruito un enorme generatore a pulsioni battezzato "Pamir" che poteva essere trasportato su un grosso camion. Era una variante del generatore di Sakharov (MK1), a compressione di flusso.
Questo generatore chiamato anche Generatore di Pavloski utilizzava dei cannoni elettromagnetici, con un esplosivo chimico che interagiva con un potente solenoide (in regime di numero di Reynolds magnetico elevato).

Questo sistema permetteva di far circolare forti correnti elettriche nel terreno.



Il dispositivo fu ufficialmente presentato come un sistema per analizzare la situazione di un terreno misurandone sulle grandi distanze e a grandi profondità la conduttività elettrica del suolo.

Il sistema, usato con moderazione, può testare il terreno, come quando si danno leggeri impulsi su un blocco in equilibrio per vedere se è pronto a scivolare in un burrone.
Ma un tale sistema potrebbe non solo studiare la situazione pre-sismica del territorio, ma eventualmente innescare il terremoto.
Se la faglia non è pronta a cedere, occorrerebbe una notevole energia per innescare il terremoto.
Al giorno d'oggi ormai sappiamo che una variazione di conduttività è il segno di un imminente terremoto.

Con una simile macchina e dei dati geologici esatti, i militari potrebbero, in aree potenzialmente "ostili", o per ragioni geo-politiche, innescare un devastante terremoto, uno tsunami o un'eruzione vulcanica....

Qui le pagine originali dell'IVTAN, l'Istituto Russo per le Alte Temperature, che parla di uno di questi generatori Pamir: http://www.ihed.ras.ru/mg/otdel6.htm - http://www.ihed.ras.ru/mg/Pamir3U.htm

Un generatore MHD (detto anche "generatore di plasma") a scappamento lineare di Faraday, alimentato con esplosivo (propergol) solido al cesio, o al sodio (sostanze a basso potenziale d'ionizzazione). Lo scappamento espelle gas ionizzato a 3000° tra due o più elettrocalamite. Esso sviluppa 4,8 tesla, e ha elettrodi che raccolgono le correnti generate durante qualche secondo (15000 a 25000 A su 1000V).

Dal documentario " Les colères du climat" (le collere del clima), trasmesso sulla 5 (emissione televisiva franco-tedesca), film che passa in rassegna le differenti catastrofi "naturali" mondiali dal 2002 in poi, un corto estratto sulla "Pamir":


"Pamir" l'arma sismica! di tuttouno

"Pamir" l'arma sismica!


Una misteriosa arma al plasma vista poco prima del terremoto a Nigarta in Giappone, nel Luglio del 2007. Le stesse luci rosse, bianche e celesti riflesse sulle nuvole sono state viste e filmate poco prima del recente disastroso terremoto in Cina.
Quando quest'estate c'è stato il terremoto in Cina, ho subito pensato: "Ecco! Vogliono far dimenticare le polemiche e le proteste internazionali sul Tibet e le olimpiadi!".

Non sono l'unica a pensarlo: China Earthquake caused by HAARP weapon

Jeff Steinberg della La RouchePAC.com (La Rouche Political Act Comitee), dichiara che ci siano le prove che HAARP ha causato il grande terremoto in Cina e che la 3 Guerra Mondiale arriverà con aurore boreali...

Il terremoto in Turchia del 17 agosto 1999: A Duzce, epicentro del terremoto, alcuni sopravvissuti hanno dichiarato che quel giorno la base militare americana era stranamente deserta; inoltre dissero di aver visto una luce strana nel cielo e udito un rumore infernale, essi sono convinti che un ordigno atomico sia stato testato nel sottosuolo della base.

Condoleeza Rice al Senato Americano il 18 gennaio 2005:

"Lo tsunami è stato una meravigliosa occasione (wonderful opportunity) di mostrare il cuore del popolo americano. E io penso che "gli utili" sono stati molto importanti sul fronte diplomatico".

Indonesia il 26 dicembre 2004.
Migliaia di chilometri di coste sono state spazzate via a causa di un maremoto spaventoso.



Simulazione dello TSUNAMI nel sud-est asiatico.

Un fenomeno simile potrebbe essere di origine umana, per camuffare un test di un'arma nei fondali marini, in una regione in cui gli effetti sismici possano essere confusi con dei fenomeni naturali?




Base USA di Diego Garcia


Il luogo era ideale per la presenza di una fossa oceanica che protegge le coste e la base americana di Diego Garcia (si sa che più il fondo marino risale velocemente, più il tsunami è devastante) e anche l'ora giusta per far si che ben due satelliti USA passavano lì "per caso", per constatare gli effetti di questa "arma sismica".

Torniamo alla Pamir, che secondo il video dovrebbe funzionare in questa maniera:
attraverso il suolo, in corrispondenza di una faglia e di una falda acquifera, la macchina "inietta" la scarica elettromagnetica.
Il passaggio della corrente vaporizza l'acqua e produce un effetto di sollevamento o scivolamento o spaccatura di una placca.
Questo effetto si può propagare a grande distanza e scatenare un sisma anche molto lontano della zona sollecitata.

In un convegno in USA i russi avevano presentato questa macchina come un "sistema che permette di misurare la conduttività elettrica del suolo" dichiarando che "una variazione di conduttività può essere un segno che annuncia un sisma imminente".

E' logico che i parametri fisici, elettromagnetici del sottosuolo di una regione possano essere modificati in presenza di un terremoto imminente.
Dunque sarebbe logico sistemare intorno ad una regione, a rischio, dei captori passivi (misura dei campi elettrici o attivi (misura della conduttività elettrica del sottosuolo, ecc.)
Ma uno strumento di misura non ha bisogno di mettere in gioco tali intensità in tanto tempo (5-10 secondi).
Dunque questo generatore MHD non è un strumento di misura, ma sicuramente uno strumento capace di agire sull'ambiente sotterraneo.

Ora questo sistema potrebbe essere usato nei fondi marini.
Modificando un banale sottomarino, e modificando i motori con altri alimentati a propenol solido, che funzionano molto bene nell'acqua e sotto pressione (30 bar corrispondono a 300 metri di profondità). Sarebbe così possibile utilizzare un generatore Pamir nelle vicinanze di un faglia marina.



Sarebbe una nuova forma di guerra discreta (silent war), dove indebolire un avversario può semplicemente consistere nel creare dei "fenomeni naturali" sul suo territorio, con dei mezzi modesti.


Non escludendo di proporre, in seguito, un "aiuto umanitario"...
Tutto questo ha l'aria talmente semplice e logica che ci possiamo chiedere se questo non è stato già messo in opera.

Qui la traduzione di un articolo (censuratissimo) sulle manipolazioni mediatiche, politiche, e scientifiche sullo tsunami del 26 dicembre 2004: Il più grande crimine di guerra

Un consiglio:

i governi che hanno le loro coste esposte a probabili tsunami, non che, qualche bega in corso con potenze bellicose (esempio USA), dovrebbero rimpiazzare le boe rilevatrici di tsunami, con alcuni Idrofoni sensibili capaci di rilevare esplosioni marine importanti. Un sistema poco costoso, che contribuirebbe inoltre, una volta per tutte, a stoppare la sperimentazione nucleari sotterranea

Riprendendo l'ipotesi che la Pamir, l'arma sismica, sia stata "testata" e utilizzata per scopi politici, prendiamo ad esempio alcuni terremoti che sono coincisi, stranamente, con accadimenti geopolitici, ad esempio: il devastante terremoto in Armenia nel dicembre 1988 contemporaneo all'inizio dei disordini etnici in questa regione; e ancora fra l'Armenia e l'Azerbaijan sempre nel 1988.

Poiché l'Unione Sovietica era in pericolo, qualche generale sovietico non potrebbe, ripeto è solo un'ipotesi, aver cercato di interrompere l'insurrezione nella regione, utilizzando la Pamir?

Terremoti, tsunami, ma un'eruzione vulcanica può essere provocata artificialmente?

Il nome geyser deriva da Geysir che è il nome del più noto geyser islandese.
Un geyser è un pozzo naturale, una colonna piena d'acqua bollente, che scende profondamente nella terra in corrispondenza di una sorgente di calore.
(La cosa sorprendente che quest'acqua è verdognola, a causa dei batteri che vi vivono "nutrendosi di questa energia" e non dell'energia del sole. Questi batteri muoiono se la temperatura scende al di sotto di un certo limite (80-90°)).
L'acqua nella colonna è vicino all'ebollizione. Più la pressione è elevata e più la temperatura è alta.
Quando l'acqua non riesce a bollire il geyser cessa la sua attività, perché il peso della colonna d'acqua crea una pressione sufficiente per impedire l'ebollizione (tutti noi sappiamo che più la pressione è alta più la temperatura d'ebollizione aumenta (perché la pasta in montagna cuoce male).

Ma questo stato è instabile.

La pressione che regna nella colonna non può essere modificata, ma la temperatura aumenta sempre di più fino a creare un punto critico. Allora una bolla si forma e rimonta alla superficie e provoca l'ebollizione dell'acqua che si trova sul suo passaggio. Anche il volume del vapore che monta cresce, e può aumentare di molti metri cubi.
Quando raggiunge la superficie, la bolla esplode e provoca l'emissione di una colonna di vapore, che può arrivare a molti metri di altezza.



Un vulcano attivo ha un modo di funzionare analogo, ma la sua colonna contiene magma e gas in equilibrio. In generale questa colonna è collegata in profondità ad una sacca di magma.
Possiamo capire allora come è possibile, con l'aiuto di micro-onde pulsate a tre bassa frequenza, capaci di trasportare dell'energia termica nelle profondità del vulcano, e riscaldare il magma, rendere instabile il sistema, se questo è vicino al suo punto critico.

L'URSS progettava di devastare l'America.

Articolo numero 914-novembre 1993 della rivista Science et Vie:

I militari sovietici studiavano la " guerra geofisica ".
Durante 20 anni gli scienziati dell'URSS hanno sognato di far crollare gli odiati capitalisti.

"Mentre

Gorbatchev discuteva con Reagan dei mezzi per porre fine alla guerra fredda, alcuni generali sovietici, studiavano il modo e i mezzi per devastare l'America con terremoti e tsunami." Così ha dichiarato il generale del KGB, Oleg Kalougine.

La devastazione degli Stati Uniti e del Canada sarebbe stata realizzata grazie “alle bombe sismiche" cioè bombe termonucleari che si sarebbero fatte esplodere sotto terra. Negli anni sessanta, i sismologi sovietici si erano accorti che, ogni volta che procedevano ad un'esplosione sotterranea, vi era un terremoto nei giorni seguenti, a volte a centinaia di chilometri di distanza.

È così, riporta Alexeï Nikolaïev, dell'istituto di geologia di Mosca, che una bomba che era stata fatta esplodere vicino a Semipalatinsk, nel Kazachstan, ha scatenato terremoti nel Tagikistan, l'Uzbekistan ed anche l'Iran.

Si dubitò inizialmente che ci fosse un legame tra le esplosioni termonucleari sotterranee ed i sismi dei giorni successivi, ma infine, l'evidenza era là. E Nikolaïev ed il suo gruppo dimostrarono che anche esplosioni di debole intensità provocavano sismi fino a 1.600 km dall'epicentro.

Alcuni scienziati sovietici sarebbero attualmente persuasi che terremoto che devastò l'Armenia nel 1988 e fece 45.000 morti fu causato da un'esplosione termonucleare a 3.500 km di distanza, a Novaya Zemlya.

I sovietici fecero dunque esplodere 32 bombe sotterranee sul loro territorio, per studiarne gli effetti. All'inizio degli anni ottanta, geologi civili concepirono un progetto per realizzare bombe molto potenti, capaci di provocare spinte violente alle placche tettoniche.

I sismi non si scatenavano mai subito dopo le esplosioni, ma si producevano a molti giorni di distanza, cosa che poteva permettere ai sovietici di dichiararsi innocenti, nel caso di sismi e tsunami devastanti.

Nikolaïev riconosce tuttavia che sarebbe stato difficile dirigere gli effetti contro un obiettivo scelto. Se la California è particolarmente vulnerabile, per il fatto che la faglia di San Andrea coincide con la dorsale (bordo orientale) della placca del Pacifico, le placche tettoniche si prestano male infatti a "giochi" di questo tipo. Ed Ikram Kerimov, direttore assistente dell'istituto di geologia dell'Azerbaigian, ritiene che siano necessario ulteriori studi prima di riuscire a raggiungere l'America, che si trova a oltre 8.000 km della costa orientale della Siberia. Rileviamo, incidentalmente, che giocare in tal modo al "biliardo" tettonico i sovietici avrebbero potuto devastare il Giappone, e che, se fossero riusciti a spingere la placca del Pacifico, nulla dice che la scossa non si sarebbe riflessa sulla placca di Nazca,e devastare anche la costa occidentale del Sud America - Perù, Bolivia, Cile, ecc.
Ex capo del contro-spionaggio diventato da un politico riformista, Kalougine dichiara che scoprì i piani quando fu incaricato, nel 1988, di dirigere le ricerche segrete dell'accademia delle scienze.
Questo tipo di rivelazione senza dubbio indurrà alcuni paesi a verificare se esplosioni nucleari sotterranee (le quali sono state tutte monitorate dai sismografi mondiali) hanno provocato in seguito sismi sul loro territorio. Pensiamo a quello che accadde in Australia, uno dei continenti più stabili, nel 1990 (5,5 sulla scala di Richter, 11 morti, 120 feriti), senza parlare del sisma che devastò, il Tagikistan lo stesso anno.


Il nostro commento:

quello scritto nell'articolo potrebbe accadere. Si osserverà che la famosa faglia di San Andrea è nata dall'attrito di due placche una contro l'altra.
Se un sisma si producesse a San Francisco, simile a quello che devastò la città un secolo fa, ci sarebbe un epicentro, un punto dove le due placche inizierebbero a scivolare. Quindi il movimento si propagherebbe allora con rapidità estendendosi su oltre mille chilometri. L'intensità del terremoto cresce in proporzione alla lunghezza della placca interessata.
L'articolo di Science et Vie segnala che i Russi avevano previsto, ancor prima dell'inizio degli anni novanta che esplosioni nucleari sotterranee possano essere utilizzate per scatenare sismi. Ma non si sa come i Russi avrebbero potuto attaccare, in modo diretto un paese come gli Stati Uniti, procedendo con esplosioni nucleari sotterranee nel loro territorio, a oltre otto mila chilometri di distanza, o come avrebbero potuto usare la Pamir vicino alla costa occidentale americana, senza "firmare" il loro atto.
Ricordiamo infine che film Hollywoodiani, come Superman, hanno già ripreso questo tema del sisma nella vicinanze di San Francisco scatenato da esplosioni nucleari sotterranee.

"Pamir" l'arma sismica! di tuttouno

scie chimiche, Ciccanti: "La difesa sa e non dice"


Il vaso di Pandora

Non solo Pamir, ma anche il sistema H.A.A.R.P

Fonte web

La scienziata indipendente, esperta in Fisica delle alte energie, Elisabeth Rauscher, avverte che si stanno artificialmente irradiando “energie spaventose all’interno di una configurazione molecolare estremamente delicata” qual è la ionosfera, una sorta di bolla di sapone che si muove a mulinello intorno alla superficie terrestre. Un foro sufficientemente grande potrebbe farla scoppiare. La Dottoressa Rosalie Bertell denuncia che “gli scienziati militari statunitensi si stanno occupando dei sistemi meteorologici come potenziale arma. Le metodologie comprendono l’aumento delle tempeste e la deviazione delle correnti di vapore dell’atmosfera terrestre allo scopo di causare siccità o inondazioni mirate…”



Anche il fisico Daniel Winter (Waynesville, North Carolina) puntualizza che le emissioni ad alta frequenza potrebbero unirsi con le pulsazioni ad onde lunghe presenti nella griglia terrestre (la magnetosfera n.d.r.) e causare effetti non previsti e collaterali alla “danza della vita nella biosfera”. Le emissioni in Gigawatt (miliardi di W) del Centro H.A.A.R.P. incideranno un lungo taglio sulla ionosfera come un coltello a microonde. H.A.A.R.P. potrebbe far vibrare ogni corda armonica di Gaia con frequenze discordanti. Questi rumorosi impulsi scombussoleranno le linee di flusso geomagnetico, distruggendo le bioinformazioni che mettono in risonanza le corde della vita, predisponendo ogni cosa alla malattia ed alla morte. Due dei maggiori oppositori al sistema globale di distruzione di massa H.A.A.R.P., gli scienziati indipendenti Begich e Manning, autori del libro Angels don’t play this H.A.A.R.P. Advances in Tesla Technologies, avvertono che addizionare energia al substrato ambientale potrebbe avere effetti molto vasti, indefinibili ed incontrollabili. [...]



Essi affermano, senza mezzi termini, che il genere umano ha già aggiunto sostanziali quantità di energia elettromagnetica nel suo ambiente, senza aver la benché minima idea di che cosa potrebbe essere la massa critica o il punto del non ritorno. Stiamo per imbarcarci in un altro assurdo esperimento sull’energia che sguinzaglierà un nuovo e terrificante assortimento di demoni dal vaso di Pandora.



Già il consigliere della sicurezza nazionale del presidente Carter, Brzezinski, metteva sull’avviso che una società, dominata da un gruppo elitario (Brzezinski appartiene alla stessa élite, n.d.r.) e non ostacolato dalle restrizioni tradizionali dei valori liberali, non esiterebbe ad usare le tecniche più moderne per influenzare il comportamento pubblico e tenere la società sotto stretta sorveglianza e controllo. È del resto un fatto ormai assodato che la U. S. Air Force punti sui sistemi elettromagnetici (E.M.) e sulle armi vibrazionali per produrre scompiglio psicologico, distorsione percettiva o disorientamento, per annullare da una parte le capacità di combattimento del nemico e dall’altra accrescere le potenzialità paranormali di altri. Come conferma il geofisico Gordon Macdonald, bombardamenti elettronici prodotti artificialmente produrrebbero pannelli o vortici magnetici in determinate zone terrestri che potrebbero danneggiare seriamente le funzioni cerebrali d’intere popolazioni. Tra le ripercussioni fisiche ricordiamo le seguenti: dolori articolari, mal di testa, vertigini, bruciore agli occhi, nausea, affaticamento, difficoltà respiratorie, allergie, asma, disordini circolatori e cardiaci (infarti che aumentano di circa il 50%), caduta della capacità reattiva, embolie polmonari e trombosi... A livello psicologico, le onde H.A.A.R.P. provocano squilibrio emozionale, irritazione, avversione alla vita, al lavoro ed alla scuola, insicurezza, ansia e depressione (specialmente tra i 40-50 anni), tendenza al suicidio (aumentata del 20% negli ultimi tempi, un milione di morti all’anno specialmente tra i giovani), tossicodipendenza ed omicidi.


H.A.A.R.P. ha la capacità, lavorando in collaborazione con lo Spacelab, di produrre energie elevatissime, paragonabili alla bomba atomica e può provocare distruzioni epocali e di massa in qualsiasi parte della Terra. Naturalmente il programma può modificare l’ambiente vibrazionale naturale e scatenare inondazioni, uragani e terremoti di qualsiasi entità. Eppure esso sarà “venduto e spacciato” al pubblico come un’arma di difesa, ossia lo “Scudo stellare” o addirittura di studio sull’Aurora Boreale (Alice nel paese delle meraviglie)! La stampa straniera e gli stati occidentali hanno comunque denunciato che il piano antimissile e di laser orbitali “Joint Vision 2020” è estremamente pericoloso: il suo fine è il dominio degli U.S.A. su tutto il mondo.


ANCHE LA FLOTTA RUSSA CONFERMA
Fonte web - Russia Today

Una relazione della Flotta russa del Nord rivelerebbe che il terremoto che ha devastato Haiti è inequivocabilmente "il risultato di un test, da parte della U. S. Navy, della sua arma sismica".

La Flotta del Nord osserva i movimenti e le attività navali degli americani nei Caraibi, dal 2008 quando gli Stati Uniti hanno annunciato la loro intenzione di ricostruire la Quarta Flotta che fu sciolta nel 1950. La Russia aveva reagito un anno più tardi, riprendendo nella regione le esercitazioni della sua flotta, di cui fa parte l'incrociatore atomico lancia-missili Pietro il Grande; esercitazioni sospese dopo la fine della Guerra Fredda.

Dalla fine degli anni '70, gli Stati Uniti hanno enormemente migliorato la ricerca sulle armi sismiche.

Secondo questo rapporto russo, al giorno d'oggi gli USA utilizzano generatori di impulsi, al plasma e a risonanza, in tandem con bombe Shockwave (a onde di choc)[1]

Il rapporto mette a confronto due esperimenti condotti dalla U.S. Navy la settimana scorsa: un terremoto di magnitudo 6,5 vicino alla città di Eureka, California, che non ha fatto vittime, e il terremoto dei Caraibi che ha fatto almeno 140 000 morti.

Come spiega il rapporto, è molto probabile che la U.S. Navy fosse pienamente consapevole dei danni che questa esperienza poteva provocare ad Haiti.

Per questo, la U.S. Navy aveva inviato in anticipo sull'Isola iuna postazione al comando del generale P.K. Keen, comandante in seconda del SouthCom (Southern Command), per sorvegliare le possibili operazioni di soccorso.

Per quanto riguarda l'obiettivo finale di questi esperimenti, dice il rapporto, si trattava della pianificazione della distruzione dell'Iran per mezzo di una serie di terremoti al fine di neutralizzare l'attuale governo islamico.

Secondo il rapporto, il sistema sperimentale degli Stati Uniti Haarp (High Frequency Active Auroral Research Program) permetterebbe inoltre di creare delle anomalie climatiche al fine di provocare inondazioni, siccità e uragani [2]

Secondo un precedente rapporto, i dati disponibili coincidono con quelli del terremoto di magnitudo 7,8 sulla scala Richter che si è verificato nel Sichuan (Cina), il 12 maggio 2008, provocato ugualmente dalle onde elettromagnetiche di HAARP.

Sono state osservate delle correlazioni tra l'attività sismica e la ionosfera di HAARP:

1. I terremoti in cui la profondità è linearmente identica nella stessa faglia, sono provocati da una proiezione lineare di frequenze indotte.
2. Dei satelliti coordinati fra loro consentono di generare delle proiezioni, concentrate, di frequenze in punti specifici (detti Seahorse).
3. Un diagramma mostra che i terremoti considerati artificiali si propagano linearmente alla stessa profondità:


Località
Data
Profondità
Venezuela
08 gennaio 2010
10 km
Honduras
11 gennaio 2010
10 km
Haiti
12 gennaio 2010
10 km

Anche le repliche sono sono state osservate a circa 10 km di profondità.

Dopo il terremoto, il Pentagono ha annunciato che la nave ospedale USNS Comfort, ancorata a Baltimora, ha ordinato al suo equipaggio l'imbarco e ha fatto rotta verso Haiti, anche se ci vogliono alcuni giorni per raggiungere la meta.
L'ammiraglio Mike Mullen, capo di stato maggiore, ha detto che le Forze Armate degli Stati Uniti stava preparando un'emergenza per questa calamità.

Il generale Douglas Fraser, comandante in capo del SouthCom, ha dichiarato che alcune navi della Guardia Costiera e della Navy sono stati inviate sul posto, nonostante avessero del materiale e degli elicotteri in numero limitato.
La portaerei USS Carl Vinson è partita da Norfolk (Virginia), con una dotazione completa di aerei ed elicotteri. E 'arrivata ad Haiti il pomeriggio del 14 gennaio, ha detto Fraser. Ulteriori gruppi di elicotteri si aggiungeranno al Carl Vinson, ha continuato.

L'Agenzia degli Stati Uniti per lo Sviluppo Internazionale (USAID), era già sul posto ad Haiti prima del terremoto.

Il presidente Obama è stato informato del terremoto alle 17 e 52 del 12 gennaio, e ha ordinato l'invio dei soccorsi per il personale della sua ambasciata e gli aiuti necessari alla popolazione.

Conformément au rapport russe, le département d'État, l'USAID et le SouthCom ont débuté l'invasion humanitaire en déployant 10 000 soldats et mercennari à la place de l'ONU, pour contrôler le territoire haïtien après le « tremblement de terre dévastateur expérimental ».

Secondo il rapporto russo, il Dipartimento di Stato, l'USAID e il SouthCom hanno iniziato l'invasione umanitaria impiegando 10 000 soldati e mercenari, al posto dell'ONU, per il controllo del territorio di Haiti dopo il "devastante terremoto sperimentale".

----------------------

[1] "Les armes sismiques" (le armi sismiche) di Jean-Pierre Petit. Traduzione: "The quake machine". L'arma sismica.

[2] Ufficialmente le force US erano in postazione intorno Haiti per una esercitazione militare che simulava ... un intervento umanitario in Haiti. « Defense launches online system to coordinate Haiti relief efforts », di Bob Brewin, Govexec.com, 15 jgennaio 2010.

[3] "Le Programme HAARP : science ou désastre ?" (Il programma HAARP: scienza o disastro?) di Luc Mampaey, Gruppo di ricerca e d'informazione sulla pace e la sicurezza (Bruxelles, 1998).





APPROFONDIMENTO



IL FATALE PREMIO GEOLOGICO CHIAMATO HAITI



Dietro il fumo, le macerie e il dramma infinito della tragedia umana di questo disgraziato paese caraibico, si sta svolgendo un dramma per il controllo di quella che i geofisici credono che possa essere la zona più ricca del mondo di petrolio e di gas derivato da idrocarburi dopo il Medioriente, possibilmente di grandezza maggiore del vicino Veneuela.



MA COSA STANNO FACENDO SULLA NOSTRA PELLE...???

NUOVE ARMI E NUOVI MISTERI

Già, che cosa ci stanno facendo!? Che cosa ci fanno migliaia di antenne, in ettari e ettari di terreno in Alaska, tutte puntate sulla ionosfera terrestre e che ultimamente hanno raggiunto la capacità di "sparare" più di 3,5 (milioni) mega-watts sottoforma di onde elettromagnetiche? Qualcuno spiega: «E' come un gigantesco forno a micro-onde che riscalda la ionosfera con un getto di micro-onde concentrato. Le onde elettromagnetiche rimbalzano per riflessione verso la terra, penetrando ogni cosa vivente e non vivente». Se queste antenne agiscono come un enorme forno a micro-onde sulla superficie terrestre, sono anch'esse responsabili del surriscaldamento medio della Terra e del cambiamento delle stagioni? Il progetto H.A.A.R.P. rappresenta un nuovo tipo di arma elettromagnetica capace di "accecare" le telecomunicazioni via satellite in caso guerra?



LE ARMI SEGRETE DEL XXI° SECOLO 

In teoria si pensa di essere in democrazia e di poter parlare di qualsiasi argomento, ma in pratica esistono argomenti tabù, ovvero che suscitano reazioni emotive talvolta forti, e favoriscono una sorta di ostracismo ideologico verso chi li tratta. Ad esempio, chi solleva il problema della guerra ambientale, chimica o sismica, suscita reazioni forti, e rischia di passare per credulone, visionario o paranoico. ... Molte persone preferiscono credere che l’attuale sistema sia loro favorevole, che sia guidato da persone autorevoli a servizio di tutti, piuttosto che aprire gli occhi e vedere che non è così. Non si tratta di avercela con qualcuno perché tutti noi vorremmo credere che le nostre autorità sono autorevoli e oneste, ma crederlo quando ciò non corrisponde a verità ci espone a pericoli e a conseguenze negative per tutti. ...


Subscribe to RSS Feed Follow me on Twitter!