sabato 7 gennaio 2017

Cui Bono? Chi ci guadagna da un attacco la notte di Capodanno a Istanbul?

Kevin Barrett 
veteranstoday.com

Suggerimento: Non sono i capri espiatori






Il terrorismo è una tattica, non una strategia.

E anche se non sono mai andato a West Point, sono abbastanza sicuro che le nostre migliori accademie militari sono d'accordo con questa affermazione.

I media mainstream e altri zimbelli dei veri terroristi pretendono che il terrorismo (contro i civili di incitare la paura) sia una strategia, se non un fine a se stesso. "Quei terroristi cattivi lo fanno perché ... beh, odiano le nostre libertà!" Grazie ai bugiardi mainstream e idioti, la parola terrorista ora connota fanatici che si impegnano in atti casuali di brutalità senza senso solo per il gusto di farlo. Hanno convinto la maggior parte del pubblico a visualizzarlo come una importante tattica militare, uno dei più potenti pezzi sulla scacchiera, come dei senza cervello emotivi, espressione di  disadattati fanatici demonizzati.


Ma la verità è che quasi tutto il terrorismo è tattico, messo in atto da più o meno professionisti militari sponsorizzati dallo stato per raggiungere fini strategici. Quindi, se volete sapere chi c'è veramente dietro l'ultimo attacco terroristico, inizia sempre con la domanda cui bono ", chi ci guadagna?"

Prendete l'ultima notte di Capodanno la strage a Istanbul. Aveva tutte le solite caratteristiche di una strage insensata dei proverbiali. Pertanto, se vogliamo sapere chi ha fatto davvero questo atto, dobbiamo chiederci qualcosa sugli "islamisti radicali.": "Chi ha i mezzi, il movente e l'opportunità di commettere un tale atto; e, in particolare, chi avrebbe un buon motivo per vedere compiere un tale atto, attribuito ai soliti 'islamisti radicali,' come può essere utile strategicamente? "

Ci sono molti gruppi islamici reali in Turchia - ho incontrato personalmente alcuni dei loro leader e membri - e praticamente tutti sono impegnati a ristabilire la centralità dell'Islam nella società turca con mezzi pacifici e democratici. Il partito AKP al governo rientra in quella categoria. Così ha fatto il movimento Gulen, almeno fino a quando non è stato coinvolto in un tentativo di colpo di stato sponsorizzato da stranieri contro Erdogan la scorsa estate. Le molte decine di altri movimenti islamici in Turchia sono sostanzialmente più o meno sulla stessa lunghezza d'onda. E qualunque sia le differenze di punto di vista tra loro e all'interno di questi gruppi, nessuno di loro è tanto stupido da pensare che massacri terroristici attribuiti a islamisti sono (a) accettabili sotto l'Islam, e / o (b) vantaggiosi per l'islamismo in Turchia o in qualsiasi altro luogo .


Ma aspettate un attimo ... non è Erdogan, un esperto (alcuni direbbero viscido) politico, capace di ingegneria di falsa bandiera che gli avrebbe dato più poteri per emergenza e reprimere la sua opposizione? Questo, naturalmente, è una interpretazione sul tentativo di golpe Gulen. Non sono d'accordo con questa interpretazione - Tutti gli indizi portano ad un vero e proprio tentativo di colpo di stato che è avvenuto in poco tempo per uccidere Erdogan - ma anche ammettendo che Erdogan fosse disposto a massacrare un gran numero di civili turchi per cementare il suo governo, che non ho motivo di credere sia il caso, la strage di Capodanno a Istanbul non aiuta affatto Erdogan. Ha già tutti i poteri di emergenza di cui ha bisogno; e se volesse demonizzare qualcuno, quello sarebbe il PKK, non gli "islamisti".

Il terrorismo in Turchia ha raggiunto il punto di destabilizzare la società turca e screditare i suoi leader. Così funziona contro Erdogan, non a suo pro ... soprattutto quando è attribuito a "islamisti" il Target una festa "laica" di Capodanno. Erdogan, dopo tutto, rappresenta il trionfo fascista degli islamisti democratici, amanti del colpo di stato, NATO-e-Israele front man laici kemalisti.

L'attacco della vigilia di Capodanno è stato ovviamente progettato per inquadrare gli "islamisti", come i cattivi. Non solo è stato il bersaglio "laicista" selezionato appositamente per rafforzare questa narrazione, con i terroristi che urlano l'obbligatorio "Allahu akbar" ma un pre-attacco pubblicitario ha contribuito a "incorniciare " la narrativa dei bravi-ragazzi-cattivi-ragazzi.


I giornali Turchi  "islamisti" avvertono di "non celebrare l'Anno Nuovo"

Come ha riferito il The Guardian :

Alcuni dei giornali marginali con un seguito molto conservatore come Akit e Milli Gazete hanno pubblicato in prima pagina di ieri le celebrazioni Nuovo Anno.
Nel Milli il titolo era: "Questo è l'ultimo avvertimento, non festeggiatelo".

Mentre nel Akit, in prima pagina ha dichiarato: "Abbasso la vostra civiltà", con fianco a finaco le immagini di persone in Siria e persone in festa.

Un deputato influente del CHP da Istanbul, Gursel Tekin, ha detto in ospedale:

"Nei prossimi giorni dovremmo parlare di questo - nell'ultima settimana ci sono stati tanti messaggi che possono danneggiare la nostra pace sociale, ma nessuno di questi messaggi sono stati studiati. I responsabili dovrebbero dimettersi ".

Questa "programmazione predittiva" è stata ovviamente progettata per orientare l'opinione pubblica per dare la colpa agli "islamisti" innescando l'indignazione popolare contro di loro e contro Erdogan e il suo partito al governo ( ecco "i responsabili").

Questa inversione-di psicologia- di base "della programmazione predittiva" ricorda la "destra" nella propaganda anti-JFK che è fiorita a Dallas poco prima dell'assassinio.



... Hmmm ... il nome buffo "Weissman" per una destra bifolca (contadino del sud) del Texas. Un amico di "Rubenstein"?
La mafia sionista che ha ucciso JFK, guidata da David Ben-Gurion, i suoi soci Lansky-mob, e le loro attività nella CIA che iniziano con una talpa israeliana James Jesus Angleton, istituita da "cubani arrabbiati" e più pertinente dai "patrioti americani di destra" come più evidenti sospetti a chi non ha accettato il ridicolo mito del funzionario  "Oswald ha agito da solo". Questo è stato l'obiettivo degli annunci sopra raffigurato. (Scherzi a parte,  gente ... ma, se dei tipi come i Patriot di destra stavano per uccidere il presidente, lo avrebbero pubblicizzato in questo modo?)

Allo stesso modo, chi era dietro l'attacco alla discoteca di Istanbul ha fatto in modo che questi "giornali marginali islamisti"  pubblicassero storie che potrebbero essere interpretate come minacce contro i festeggiamenti del Capodanno. L'obiettivo, ovviamente, è stato quello di inquadrare gli "islamici", come i cattivi e screditare Erdogan.

Allora, chi potrebbe desiderare  fare questo?
La mia ipotesi è che uno scopo dell'attacco era di punire Erdogan e la Turchia per rompere i ranghi con la NATO e spingerlo contro la recente iniziativa di pace sulla Siria con la Russia e l'Iran. L'ala neocon-sionista-a-linea-dura della NATO è furiosa con Erdogan da quando è andato via dal fare la riserva sulla Siria lo scorso anno; è per questo che hanno usato la rete Gladio, e la Cia-Mossad con il buono Fethullah Gülen, per cercare di rovesciare Erdogan nel tentativo fallito colpo di stato.
L'attacco terroristico della vigilia di Capodanno è accaduto appena 48 ore dopo l'ONU ha dato sostegno all'iniziativa di pace Russia-Iran-Turchia . Ovviamente la NATO era scontente di essere stata messa da parte; e anche più scontenta di aver perso la guerra. Incolpare e punire la Turchia, il membro della NATO che ha abbandonato la coalizione e si è avvicinata al fianco del nemico, sarebbe la risposta naturale. Inoltre, queste forze della NATO hanno tutte le ragioni per continuare a cercare di rovesciare Erdogan, sia per costituire un esempio per gli altri che potrebbero essere tentati di invertire la disciplina della NATO, e  sostituire il presidente turco con qualcuno più affidabile che esegua gli ordini impartiti.

E poi ci sono i sionisti, i terroristi più iperattivi e ingannevoli del mondo, il cui obiettivo strategico è quello di distruggere il Medio Oriente in piccoli pezzi in modo che "Israele" possa continuare la sua espansione genocida. Il colpo di stato Sionista del 9/11 ha  innescato un'accelerazione del piano di Oded Yinon di annientamento e balcanizzzione dei "sette paesi in cinque anni" (loro tutti sono un problema per Israele). Ma Erdogan dovrebbe ricordare che solo perché la Turchia non era in quella lista non significa che i sionisti non abbiano un programma di "Oded Yinon" per la Turchia.
La guerra sionista-NATO in Siria è stata progettata per attirare Erdogan in una disastrosa conformità con gli aggressori, ponendo le basi per la balcanizzazione della Turchia, a partire dal distacco delle regioni curde. Il terrorismo massivo in servizio viene utilizzato a  questo fine , per destabilizzare la Turchia, e in ultima analisi, i sionisti che sono dietro la maggior parte di questi atti, se non tutti, anche quelli che non sono mediate dai loro delegati NATO.

Prevedo che, nel 2017, le forze sioniste-dominatrici sostenute dalla Gladio B della NATO farà guerra aperta alla Turchia nella speranza di destabilizzarla e distruggerla, proprio come hanno fatto con la Siria. E con Bibi come fantoccio, in carica del crimine organizzato,  di Trump, e avranno il tempo necessario di farla franca e con più facilità.


Reazioni:

0 commenti:

Subscribe to RSS Feed Follow me on Twitter!