lunedì 12 giugno 2017

Il Pakistan minaccia la prima sentenza a morte per bestemmia sul social Facebook

Tyler Durden
Zerohedge

Sa Defenza


Un tribunale pachistano per l'antiterrorismo ha appena emesso la prima pena di morte per blasfemia sui social media Domenica, secondo la Reuters . La sentenza è l'ultimo passo di un giro di vite  stringente sul dissenso sui social media da parte del governo del primo ministro Nawaz Sharif.


Taimoor Raza, 30 anni, è stato condannato per i commenti sprezzanti sul profeta Maometto, le mogli e le compagne, secondo Shafiq Qureshi, un pubblico ministero di Bahawalpur, una città a circa 300 miglia a sud di capoluogo Lahore. Raza è stato arrestato l'anno scorso dopo un dibattito sull'Islam sul social Facebook con un uomo che si è rivelato essere un agente dell'anti-terrorismo. E' stato uno tra le 15 persone arrestate dal reparto antiterrorismo lo scorso anno, accusati di blasfemia, secondo la Commissione diritti umani del Pakistan e Reuters.

Il fratello di Raza, Waseem Abbas, ha dichiarato  al Guardian che era di famiglia “povera ma letterata”, e apparteneva alla minoranza della comunità sciita musulmana del Pakistan.
Mio fratello in un dibattito in uno show su Facebook con una persona settaria, che abbiamo saputo riconoscere dopo tempo, era un ex-ufficiale  [del reparto antiterrorismo] e si chiama Muhammad Usman,” ha detto.


Come riporta Reuters , la bestemmia è un argomento molto sensibile nella maggioranza musulmana del Pakistan, aver insultato il profeta Maometto è un crimine capitale per il quale decine di persone sono detenute nel braccio della morte. Anche semplici accuse sono sufficienti per innescare il clamore di massa e la plebaglia giustizialista.

Un tribunale antiterrorismo di Bahawalpur gli ha imputato la pena di morte”, ha detto Qureshi a Reuters.  E' la prima condanna a morte che coinvolge un caso legato ai social media.

Le autorità hanno chiesto a Twitter e Facebook di aiutarli a identificare gli utenti che condividono materiale blasfemo, e hanno distribuito messaggi di testo incoraggiando i pakistani a riferire sui concittadini, secondo il Guardian.  Difensori dei diritti umani hanno espresso la preoccupazione che l'applicazione zelante delle leggi sulla blasfemia nel paese fornisce uno strumento alle persone di svolgere accuse con il fine di vendette personali, soprattutto perché nessun accusatore è mai stato punito per le false accuse.
Il modo casuale in cui le condanne a morte vengono emesse nei casi di blasfemia accoppiate con la mancanza di orientamento dei tribunali pakistani con la tecnologia rende questa una situazione molto pericolosa,” ha detto al Guardian, Saroop Ijaz, avvocato di Human Rights Watch in Pakistan,

Tali frasi saranno incoraggiare chi vuole inquadrare torto persone”, ha fatto notare con preoccupazione che la sentenza di Sabato è stata emessa da un tribunale dell'anti-terrorismo, che non è un tribunale normale. “La confusione tra la sicurezza nazionale e la religione è molto allarmante”, ha detto Ijaz.

La condanna a morte è parte di una più ampia campagna di repressione: L'Agenzia federale Investigazioni ha recentemente arrestato decine di utenti dei social media per la pubblicazione di contenuti “anti-militari”, tra cui giornalisti e sostenitori dell'opposizione del Pakistan Tehreek-e Insaf partito (PTI), una dei quali ha condiviso una foto satirica del primo ministro Nawaz Sharif.

Mentre Raza è il primo condannato a morte per blasfemia sui social media, molti altri, invece, sono nel braccio della morte per blasfemia in pubblico. Tra  loro vi è Asia Bibi, la donna cristiana condannata nel 2010 dopo una lite con due donne musulmane in un villaggio del Punjab. Con un appello finale tanto atteso e aggiornato, Bibi è ancora in isolamento.

In Pakistan, la bestemmia è così controversa che la semplice menzione di accuse infondate può infiammarsi in tumulti di massa. Nel mese di aprile, una folla in un'università nord-occidentale ha preso il 23enne Mashal Khan dal suo dormitorio e lo linciato, irritati dalle accuse che Khan avesse offeso l'Islam.

La scorsa settimana, un'indagine congiunta ha concluso che le accuse, verso lo studente Mashal Khan , erano infondate , ma, sono state un complotto da parte di alcuni studenti e del personale universitario.

Nel mese di maggio, un ragazzo di 10 anni è stato ucciso da una folla inferocita che ha cercato di prendere d'assalto una stazione di polizia in Belucistan  arrabbiata verso un uomo detenuto con l'accusa di blasfemia. Quattro persone sono state condannate a morte per blasfemia lo scorso anno, secondo il Hrcp.

Reazioni:

0 commenti:

Subscribe to RSS Feed Follow me on Twitter!